sabato 16 dicembre 2017

Siamo guidati dalla dopamina che abbiamo creato


L'ex dirigente di Facebook ha giurato di evitare i social media perché non vuole essere "programmato"


Mentre gli affari di Facebook sono in piena espansione e la società continua a espandere i suoi tentacoli in ogni angolo di Internet, i suoi primi dipendenti e investitori stanno diventando sempre più chiari sul danno che ha causato tra i suoi utenti.

L'ex vicepresidente di Facebook per la crescita degli utenti, Chamath Palihapitiya, ha affermato che i social media "erodono le fondamenta di come si comportano le persone" e che sente un "tremendo senso di colpa" sulla creazione di strumenti che "stanno distruggendo il tessuto sociale".

Durante un discorso alla Stanford Graduate School of Business a novembre, Palihapitiya ha fatto eco alle parole di altri dissidenti di Facebook che hanno recentemente denunciato la loro colpevolezza e le loro lamentele. (h/ t The Verge)

Avvertendo il pubblico ha detto: "non te ne rendi conto, ma ti stai programmando ... ma ora devi decidere a quanto sei disposto rinunciare e a quanta parte della tua indipendenza intellettuale". Per quello che lo riguarda ha solo detto che non voleva essere programmato, sottolineando che "non usa questa merda" e i suoi figli non sono autorizzati a usare "questa merda", raccomandando anche a tutti di fare una "energica pausa" dai social media.



Guarda QUI il breve e sintetico video con sottotitoli in italiano (nda) 

Palihapitiya è entrato a far parte di Facebook nel 2007 e ora è l'amministratore delegato della società di ventura Il Capitale Sociale, da lui fondata nel 2011.

Ha detto inoltre: "le cose su cui ti basi, i cicli di feedback (retroazione nda) a breve termine guidati dalla dopamina che abbiamo creato, stanno distruggendo il modo in cui funziona la società: nessun discorso civile, nessuna cooperazione, disinformazione, menzogna".

La sua paura è che i cattivi attori possano manipolare grandi gruppi di persone, e che come utenti, aggraviamo il problema nella nostra ricerca creando una versione idealizzata di noi stessi:
“Curiamo le nostre vite attorno a questo senso percepito di perfezione, perché veniamo premiati in questi segnali a breve termine - cuoricini, mi piace, pollici in su - e lo confondiamo con il valore e la verità. E invece quello che emerge veramente è la falsità, una fragile popolarità che è a breve termine e che ti lascia ancora di più vuoto - ammettilo - un vuoto prima che tu lo facessi, perché poi ti costringe in questo circolo vizioso in cui sei avvinto domandandoti "Qual è il la prossima cosa che devo fare ora e perché ne ho bisogno?"
Sean Parker, presidente fondatore di Facebook, ha parlato il mese scorso del modo in cui la piattaforma sfrutta la psicologia umana, più o meno negli stessi termini, e ha affermato che i fondatori dell'azienda "hanno capito consapevolmente" quello che stavano facendo.

Palihapitiya concordava sul fatto che "nella profonda parte posteriore della nostra mente, si stanno verificando dei profondi recessi delle nostre menti". Sapevano che qualcosa di brutto poteva accadere.

Fonte: https://qz.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...