venerdì 23 giugno 2017

Il clangore dei nuovi Dei



BREVIARIO DELLA POLITICA  
(Silloge inedita)

 

 di Gianmario lucini 



PROLOGO
 
1.
Il clangore dei nuovi Dei ci clonerà in una notte d'uggia e di tormento fantasmi del passato dentro il futuro sgomento nostra creatura, debole natura che risalendo il vento dei secoli si chioderà fra cielo e cielo d'ogni miseria - lei vera brama d'infinito e paura d'esso.

2.
Talvolta inginocchio davanti alla mia protervia svio l'occhio sapiente della morte mi arrampico su per la parete della vita e cerco appigli come un'edera tenace - di sotto il solito scenario si svolge in un mondo di talpe che sbucano improvvise da rabbiosi sottosuoli ed io odioso eremita posso maledire i segni dei tempi trafiggendoli come farfalle da collezione. Talvolta la morte mi pare più lontana e allora cado da lei trafitto e il ritorno alla luce mi abbaglia e mi stupisce.

L'ORSACCHIOTTO MALEFICO

1.
Poi ho rimuginato dentro l'ombra della mente quale mai pensamento nella tua vai rimuginando viso da poker piazzato lì davanti alla telecamera come un oggetto di porcellana bene dicente che a me pensa ed io solo ti chiedo pause di silenzio pause d'assenza dalla mia vita che mesce tranquilla il suo dolceamaro in bottiglie per l'inverno. 

Lascia la mia vita alla pace e chiedi sogni in prestito se vuoi alla notte formica alle pagine del libro che sta sotto pergole d'uva o boschi di nocciole.

2.
Se le cose andranno male tu potrai sempre vendere bene la faccia piatta a qualche occhiata di sole a qualche monello che la tinga di baffi a pizzo e cornellati capelli Mefisto Sigmund Freud del baratro e della pena che pena dà. Se mai sorriso ti nasca e l'erre vizza t'inviperisca inviperito ti giunga il mio veleno sul piatto della sera al tuo desco diabetico orsacchiotto di lana stinta ed arruffata.

Oh t'avessi davanti a me per roderti come una mela malefico vecchio bambino non sono tuo padre.

POESIA DECADENTE
Non voglio più sedermi allo stesso desco con questo secolo e dirmi figlio di lui 

Vorrei essere vento lacerto d'obici brandello di foglia davanti alla mitraglia traccia di una rosa rossa nella neve o nube di pira che in alto levandosi strida "Osanna Figlio di David!" dove la terra si fende alla sete dove la luna inquieta traluce per boschi di tragedia sull'incredula smorfia dei cadaveri.

Non voglio più calcare queste strade dove l'urlo della notte sgargia nei colori d'una festa eterna e memoria di secoli marcisce negli scoli.

O notte dentro il tuo uovo antico girare in tondo dentro il tuo occhio un'ombra che va da nulla a nulla senza provare vergogna non voglio e invece sognare con levità di cuore.
 
LETTERINA
Non sei più andato di là da quel muro e dai secoli verdi muffa che sale fra le sue crepe; non sei andato di là a curiosare almeno un poco solo perché un attimo potesse fissarti sulla tela in eterno e redimerti per sempre; ma te ne stai di qua sognando rosari di parole naufragate nel mare del tempo e dal mare risputate fra colonie di granchi, un verde di stremata poseidonia sulla spiaggia in penombra dell'occaso quando la raffica del tempo destabilizza la sera e l'accartoccia crepitante sul tuo tavolo davanti all'occhio di una cena trasognata al volto di tua moglie all'improvviso muta e sorpresa adagio sbocconcellando cuore di pane. E se potrà consolarti una musica di dati e statistiche così da aprire con garbo la finestra e nella notte urlare "Non è questo, non è questo l'esercito di stelle che sognavo al mattino spargendo miche ai passeri il vento dell'eterno non è questo davvero" e poi veloce sprangare l'uscio di casa e barricarti a ogni voce anche il parere d'un amico o un prete confessore vecchio compagno d'infanzia scavato e di sinistra, reduce da patimenti e torture, se anche tutto ciò accadesse con fragore con evidenza assolutoria in qualsiasi processo a memoria d'uomo, se anche tutte le immagini del mondo sfilassero in un breve davanti al tuo mezzo bicchiere di pianto la sera non potrebbe che accoglierti deposto dalla croce sacrificato inutilmente deriso dal tuo stesso orizzonte.

PICCOLA METAFORA CRUDELE
Ancora quei quattro avvoltoi sulle paure della gente volano in tondo, fuori tiro.

Abituati agli alti cieli vedono fra i bossi sempreverdi tenere prede e piombano sicuri, fanno razzia di miglio e pulcini, i galli in alto trascinano e poi con le tattiche fini e con le eteree maniere d'un tiranno assoluto, libertà ridanno tosto, così che di colpo il baldo gallo già morto di fifa si schianta proprio di fianco al pollaio e tutti i polli sanno quale sia il seguito di questo crudo rito.

IL RAGNETTO
Fra la cultura sullo scaffale esibita s'è da tempo rifugiato un ragnetto mite e scuro sfuggendo alla compagna mia. 

Non sarò io il delatore di quest'utile assassino... 
Caccia le mosche il mite con tenacia così come Marina caccia i ragni.
Ma fra la cultura esibita e fra le sue mosche noiose non ci sta male un ragnetto assassino.

CATTIVERIA Nº 1
Scendono in piazza forse più di quaranta o cinquanta, toh, per far tondo e riconoscere un po' di decoro alla notizia. Piazza tricolorata a nascondere il vuoto che schiamazza dietro gli striscioni. Ma dove saranno mai gli alfieri?

E come accade che quegli stendardi da soli si reggano fieri? Ma chi s'è dato assente non disperi:debole cosa è una rivoluzione piazzaiola a paragone con questa nuova di prospettive.

CATTIVERIA Nº 2
Ha in mente il blu del cielo che cela e che rivela onde radio e satelliti.

Questo blu di Saturno padre di tutto il mondo a suo tempo evirato è spirito che fruscia e sguscia come l'acqua e rabbonisce i cuori assetati e severi dei vari ministeri.
Forza amica del blu potere dello spirito...

CATTIVERIA Nº 3
Ignoro se lo sguardo sia innocente o arteriosclerotico semplicemente. Come una sedula beghina a sera biascica preghiere così egli sentenzia, e tremano i forti sparvieri della politica ridendo a crepapelle. Con quell'aria dimessa e un po' scema gonfia le pive a un grande partito, pare agli estremi ma è sempre al centro il bravo cibernetico come l'ago d'una bilancia che solo un ago è (non la bilancia). 

CATTIVERIA Nº 4
Solleva il labbro e ringhia rumina verbo lo ascolta e infine profferisce. Trema il labbro di iena azzanna l'aria la mastica la sputa tale e quale solo un po' più appestata. 

RADICI
Mia terra di boschi e di silenzio appisolata e in pace culla d'emigranti che sfidarono i deserti mondi del sud a popolare altre terre e altre pianure unghiando altre montagne dove la vite non cresce o il castagno incisa nella pietra terra senza poeti ridente d'acqua e muschio ignava e buona animale e montanara sempre aperte braccia al potente che viene da Milano e con i figli tuoi crudele e dura, terra dell'arsura dei sogni parole di pietra, essenziali, dighe, bacini fluviali e capitali accumulati con fatica in pochi istanti sperperati con rabbia terra di confine ombelico d'Europa dove angustiato e stanco il pellegrino misurava le tappe bevendo il tuo vino terra di streghe bruciate sui roghi d'una follia istintiva e a suo modo sapiente (un poco dentro me di quelle ceneri hai posto un'ombra...)

PASOLINIANA 
Non t'ho mai detta madre, questo è vero: 
la figliolanza non è un crudo dato anagrafico soltanto, asettico; sorella forse, per le tue pene recitate sul proscenio come un antico mito e per le quali un poco arrossisco se l'esibisci senza pudicizia alcuna, senz'arte o perizia d'inganno pur se inganno persegui misera patria di stolidi e mia sola... Figlia d'un barbaro tempo, conchiglia rifluita nel ventre dei secoli... 

Ho asceso i tuoi monti graffiato cemento sulle tue spiagge che videro venire dal mare le tue glorie superbe terra dell'olio, del vino e del grano di quel che resta ancora dell'umano, diffidenza dispersa fra le genti, t'ho amata tuo malgrado. T'ho dato tempo e il tempo m'hai divorato in vaniloqui Italia mia. 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page