martedì 24 aprile 2012

"Lo Stato del Forum mondiale"


                        Promosso dalla "Fondazione Gorbaciov nel 1996"

Dal giornalista, William Jasper, nasce questo rapporto della sua copertura del FORUM MONDIALE.
Vedrete il modo di pensare che le élite s si stanno manifestando nel rispetto della privacy relativa.





STATO DEL FORUM MONDIALE

Globale Gorby, da William F. Jasper . . . un evento di altro tipo (e di conseguenza probabilmente molto più grande) è stato trovato in corso con molto meno attenzione: "Lo Stato del Forum Mondiale", una confabulazione planetaria promossa dalla Fondazione Gorbaciov. Tenutasi in cima alla città famosa Nob Hill nel lussuoso Fairmont Hotel, il forum ha riunito una costellazione scintillante di notabili mondiali che rappresentano la quintessenza del potere mondano, prestigio, fama, ricchezza e influenza: presidenti, principi, potentati, filantropi, poeti, filosofi , e poohbahs. (Si incontrano anche quest'anno, 1998 --- B Settimane)

Chi è chi: 


"La serietà pesante e raggiungere ambiziosi obiettivi della conferenza indicata dal titolo della manifestazione -" Verso una Nuova Civiltà: Il lancio di un'iniziativa globale "- sono stati sottolineati dalla lista dei partecipanti, un vero e proprio Who is Who di Wall Street , la Commissione Trilaterale, il World Economic Forum, l'Aspen Institute, il Council on Foreign Relations, il Club di Roma, il Bilderberg, il Politburo, la Commissione sulla governance globale, la World Future Society, e altri bastioni di potere Insider.

Tra i 400 personaggi più illustri provenienti da 50 paesi che affluivano ai cinque giorni di storia (27 Settembre - 1 Ottobre) c'erano ex segretari di Stato James Baker e George Shultz (entrambi co-presidenti del forum), l'ex presidente George Bush, l'ex primo ministro britannico Margaret Thatcher, il presidente Askar Akaev del Kirghizistan, l'ex presidente Oscar Arias del Costa Rica, il Primo Ministro Tansu Ciller della Turchia, Repubblica ceca il presidente Vaclav Havel, l'ex primo ministro canadese Brian Mulroney, e Vice Presidente sudafricano Thabo Mbeki.

Altri partecipanti inclusi: Worldwatch presidente Lester Brown, guru della New Age Fritjof Capra, Jeremy Rifkin, Willis Harman, Deepak Chopra, Robert Muller, e Matthew Fox; marxista poetessa Rigoberta Menchu;  presidente del Consiglio e miliardario eco-guerriero della Terra Maurice Strong; la procedura guidata di Microsoft Bill Gates, magnate dei media Rupert Murdoch; futurologi Alvin Toffler e John Naisbitt; il senatore George Mitchell; Archer Daniels Midland CEO Dwayne Andreas; magnati informatici David Packard; Esalen fondatore Michael Murphy, il motivato e superstar Tony Robbins; Uomo Wearhouse CEO George Zimmer; scimpanzè esperto di Jane Goodall - per non parlare di Zbigniew Brzezinski, Carl Sagan, John Denver, Shirley MacLaine, Dennis Weaver, Ted Turner, Jane Fonda, Theodore Hesburgh, Timothy Wirth, Max Kampleman, Milton Friedman, Randall Forsberg, Saul Mendlovitz, e Alan Cranston.

A sorvegliare il vertice e l'interezza di questi unti del signore vi era,

naturalmente, lo stesso Mikhail Gorbaciov. Lo scopo della convocazione, proclamata, era quello di "lanciare un pluriennale processo, culminato nel 2000, per articolare il fondamentale [del mondo] le priorità, i valori e le azioni necessarie per modellare costruttivamente il nostro comune futuro". E chi meglio per dare il via ad una stravaganza ostentata di questo tipo di media globali e l'ex titano "umanista of the Year" di Ted Turner. Identificandosi come un "grande studioso della storia" e amico di lunga data di Gorbaciov, Turner ha elogiato  "l'ex-comunista" e ex dittatore per la fine della Guerra Fredda, che ha acclamato come "il più grande realizzatore nella storia dell'umanità. " "Ora, con la Guerra Fredda alle spalle", Ted ha detto: "il lavoro di questo forum è quello di contribuire a tracciare la strada per l'umanità."

Ma sono necessarie misure drastiche, dice Gorby. Le strutture politiche tradizionali "non rispondono più alle esigenze di un mondo interdipendente. La cultura politica che abbiamo ereditato dal passato ostacola gli sforzi per unire le risorse dell'umanità di fronte alle sfide globali".

La semplice trasformazione delle strutture politiche, tuttavia, è tutt'altro che adeguata. "Siamo in un disperato bisogno di ridefinire i parametri di sviluppo economico, sociale, politico e spirituale della nostra società," il veggente sovietico ha detto ai suoi seguaci venerabili. "In effetti, dobbiamo reinventare il paradigma della nostra esistenza, per costruire una nuova civiltà." E 'stato un rehearkening ad altri familiari temi, Gorbaciov ha parlato: "lo sviluppo di una coscienza globale", "che abbraccia l'opera di rinnovamento spirituale," lanciando, per essere sicuri, un'impresa incredibile "la prossima fase di sviluppo umano". Fortunatamente per noi, egli come ministro è gentilmente disposto a illuminare le nostre anime oscurate così come il nostro corpo politico malato. Come fa a proporre di fare questa cosa? Il Compagno Gorbaciov propone di "istituire una sorta di Nazioni Unite, Consiglio degli anziani".

Fu in questa veste che il "Vecchio" Gorbaciov ha offerto la parte successiva della sua lezione. "La civiltà si sposterà a nuovi valori e a nuovi stili di vita, sarà necessario trovare soluzioni reali ai problemi del nostro ambiente, una via d'uscita alla crisi ecologica", tutto questo il saggio di Mosca ha detto ai suoi adepti raccolti a San Francisco. Arrivando poi alla battuta finale:

"A poco a poco dovremo raggiungere un cambiamento di enfasi nell'archetipo dilemma: avere o essere, per cambiare la natura del consumo." "Parafrasando ha detto: forse è un po 'rischioso parlare di questo in questo paese", (abozzando un risolino, il pubblico ridacchia). "Dobbiamo cambiare la natura del consumo. E io qui ho molto da dire al riguardo."

Con la compassione che ,o accompagnava, Egli certamente aveva molto da dire sul tema, come molti degli altri partecipanti durante il corso del forum. La cosa più sorprendente era che nessuno ha parlato o sghignazzato alla sfrontatezza sfrontata e l'ipocrisia dei propri santi sermoni sul consumo cospicuo, mentre il suo pubblico rapito dal banchetto con una serie ricca di commestibili epicurea degne di un re: trota affumicata, insalata, filetto di manzo in shashlik marinata, e un dolce di panna cotta con frutta autunnale. . . Per arrivare al nocciolo della questione, Gorbaciov ha pontificato: "Credo che dobbiamo, controllare il consumo per portarlo ad attrezzarsi di più alle esigenze culturali e spirituali delle persone, attraverso la cultura e le istruzioni e nel quadro delle leggi, dovremo affrontare il problema del controllo della popolazione mondiale ". E il controllo, naturalmente, come sempre qui, è la parola chiave del concetto. Il Controllo e il Potere. . . . .

Ma secondo questi intenditori, ci raccontano che ci sono troppe persone su questo "pianeta". Il saggio Willis Harman è alle prese con il "dilemma."La franco antropologa Margaret Mead ha detto senza mezzi termini che nella dominata "Economia-mondiale: 'La verità disadorna è che non abbiamo bisogno ora, e non avremo bisogno in seguito, gran parte del lavoro dei - più giovani, degli anziani, gli ignoranti, e i molto stupidi '"(è forse questo genocidio, aborticidio, egicidio, o che cosa?)...

"Ha detto Harman: questo è il più fondamentale dilemma che abbiamo di fronte". La società non può permettersi "dal punto di vista ambientale, o dal punto di vista di lacerazione del tessuto sociale - la crescita economica che sarebbe necessaria per fornire posti di lavoro per tutti nel senso convenzionale, e le ingiustizie che sono venute ad accompagnare quella crescita. il dilemma, più di ogni altro aspetto della nostra situazione attuale, indica come sia ora richiesto un fondamentale cambiamento di sistema."

Nella sessione plenaria di chiusura del forum, il filosofo/scrittore Sam Keen, da quello che ha appreso, ha riassunto il consenso tra i partecipanti alla

conferenza. Keen ha detto, "c'era un accordo molto forte che le istituzioni religiose devono assumersi la responsabilità primaria per l'esplosione demografica. Dobbiamo parlare molto più chiaramente sulla sessualità, sulla contraccezione, sull'aborto, sui valori che controllano la popolazione, perché la crisi ecologica, in breve, è la crisi demografica. Non ci resta da fare che tagliare il 90 per cento della popolazione del [mondo] per evitare una grande quantità di danni ecologici"

Come si fa a "tagliare" la popolazione del pianeta del 90 per cento? Anche i genocidi di massa assassini fatti da Lenin, Stalin, Hitler e Mao combinati insieme  non ha portato al raggiungimento di tale obiettivo "elevato".

Come sempre, il diavolo è nei dettagli. Barbara Marx Hubbard, partecipante forum,  potrebbe avere già fornito alcune delle risposte diaboliche. Nel Libro della Co-Creazione, scrive: "Fuori dall'intero spettro della personalità umana, un quarto ha l'elezione del trascendere .... Un quarto è distruttivo [e] sono semi difettosi In passato era solo permesso, di  morire di una 'morte naturale'. ... Ora, mentre ci avviciniamo alla svolta epocale dalla creatura umana nella Co-creazione - l'uomo che è un erede dei poteri divini - il distruttivo quarto deve essere eliminato dal corpo sociale .. .. Per fortuna, non siamo responsabili di questo atto. Siamo solo incaricati del processo di selezione di Dio per il pianeta Terra. Scegliendo, distruggendo. Noi siamo i cavalieri del cavallo pallido, la Morte. "

Il Signore ci aiuti tutti, se questo "Brain Trust" de facto di diabolici e disadattati, assassini, megalomani, terroristi e tiranni riescono a stabilire il loro "nuovo ordine mondiale, e la loro "nuova civiltà globale".


Traduzione a cura di wlady dal sito:
http://www.realnews247.com/the_new_american_global_gorby.htm

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima

Ricordando Giorgio Tremante

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page