venerdì 30 aprile 2021

Oltre all’arma della paura, i regimi totalitari hanno bisogno della censura

 

Il colpo di stato della tecnocrazia svelato nel nuovo libro di Mercola “The Truth About C-O-V-I-D-19”

Questa intervista tra il dottor Joseph Mercola e Robert F. Kennedy, Jr. pone le basi per comprendere il colpo di stato della tecnocrazia attraverso la tirannia medica e la censura di tutte le opinioni opposte. Mercola comprende appieno la tecnocrazia e sta aprendo gli occhi a milioni di persone. ⁃ TN Editor

Nell’intervista sopra, Robert F. Kennedy Jr. mi intervista sul mio nuovo libro, “The Truth About C-O-V-I-D-19 – Exposing the Great Reset, Lockdowns, V-a-c-c-i-n-e Passports and the New Normal”, scritto insieme al fondatore e direttore del Associazione dei consumatori biologici, Ronnie Cummins.

Kennedy ha scritto una prefazione penetrante e perspicace1 ad esso. Il libro è in uscita oggi. Se hai preordinato, grazie! Se non l’hai fatto, ora puoi ritirarlo senza indugio.

Clicca sull’immagine per vedere il video originale

L’arma della paura

In “The Truth About C-O-V-I-D-19”, esaminiamo le prove che suggeriscono un’origine di laboratorio e come l’élite tecnocratica abbia usato questa pandemia come giustificazione per erodere la libertà, la libertà e la democrazia dal primo giorno. Come notato da Kennedy nella sua prefazione:

Tecnocrati governativi, oligarchi miliardari, Big Pharma, Big Data, Big Media, i baroni rapinatori dell’alta finanza e l’apparato di intelligence industriale militare amano le pandemie per gli stessi motivi per cui amano le guerre e gli attacchi terroristici. Le crisi catastrofiche creano opportunità di convenienza per aumentare sia il potere che la ricchezza.

Nel suo libro fondamentale, ‘The Shock Doctrine: The Rise of Disaster Capitalism’, Naomi Klein racconta come demagoghi autoritari, grandi corporazioni e ricchi plutocrati usano le interruzioni di massa per spostare la ricchezza verso l’alto, cancellare le classi medie, abolire i diritti civili, privatizzare i beni comuni e espandere i controlli autoritari …

La metodologia è, infatti, stereotipata, come ha spiegato il comandante della Luftwaffe di Hitler, Hermann Göring, durante i processi per crimini di guerra nazisti a Norimberga: un parlamento o una dittatura comunista.

Voce o nessuna voce, il popolo può sempre essere portato agli ordini dei leader. Questo è facile. Tutto quello che devi fare è dire loro che sono stati attaccati e denunciare i pacifisti per mancanza di patriottismo e per esporre il paese a un pericolo maggiore. Funziona allo stesso modo in qualsiasi paese. ‘”

Il bioterrorismo è la nuova “guerra al terrorismo”

Come sottolineato da Kennedy, l’attacco dell’9 settembre è stato utilizzato per lanciare la “guerra al terrore” e attuare il Patriot Act, ironicamente chiamato, che, lungi dal proteggere i diritti dei patrioti, li ha effettivamente erosi e ha gettato le basi per il moderno stato di sorveglianza. Ora, il nemico sono i microbi, che sono ancora più nebulosi e intoccabili del “terrorismo” amorfo che lo precede.

Non commettere errori, il piano, come esposto in vari documenti e rapporti, incluso il rapporto 2010 della Fondazione Rockefeller,2 “Scenari per il futuro della tecnologia e dello sviluppo internazionale”, in cui descrivono il loro scenario “Lockstep”, una risposta globale coordinata a una pandemia letale e il suo white paper del 2020,3 “National C-O-V-I-D-19 Testing Action Plan” – consiste nell’utilizzare il bioterrorismo per assumere il controllo delle risorse, della ricchezza e delle persone del mondo.

Si tratta di utilizzare la necessità di una risposta pandemica coordinata come giustificazione per una sorveglianza permanente e controlli sociali che ostacolano la libertà personale e la libertà di scelta.

Le misure pandemiche infatti non riguardano la protezione della salute pubblica e il salvataggio di vite umane. Ciò può essere accertato dal fatto che non sono mai stati presentati calcoli costi-benefici per nessuna delle misure – nemmeno ora, quasi un anno e mezzo dopo, in un momento in cui gli stati e le nazioni stanno di nuovo considerando un altro round di blocchi e quarantene domestiche. Come notato da Kennedy:

“La sospensione del giusto processo, e le regole di avviso e commento hanno significato che nessuno dei prelati di governo che hanno ordinato la quarantena doveva prima calcolare pubblicamente se distruggere l’economia globale, interrompere cibo e forniture mediche e gettare un miliardo di esseri umani in una povertà estrema e l’insicurezza alimentare ucciderebbe più persone di quante ne salverebbe”.

Se l’obiettivo primario fosse la salute pubblica, nessuna misura verrebbe reimplementata una seconda, terza o quarta volta senza prima aver effettuato quei calcoli. Dopotutto, abbiamo più di un anno di dati sull’uso della maschera, sui blocchi e sulle distanze sociali da tutto il mondo. L’unico motivo per ignorare quella parte cruciale della definizione delle politiche sanitarie è perché sanno che i dati non supportano nessuna di queste strategie.

La censura è una caratteristica essenziale del totalitarismo

Oltre all’arma della paura, i regimi totalitari hanno bisogno della censura. Non solo si devono respingere le obiezioni, ma per sovvertire efficacemente la democrazia, con l’obiettivo di eliminarla del tutto, bisogna prima eliminare la libertà di parola. Come spiegato da Kennedy nella sua prefazione:

“Includendo la libertà di parola nel Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, James Madison ha sostenuto che tutte le nostre altre libertà dipendono da questo diritto. Qualsiasi governo in grado di nascondere le sue malefatte ha la licenza per commettere atrocità.

Non appena si impadroniscono delle leve dell’autorità, i tiranni impongono la censura orwelliana e iniziano a spiare i dissidenti … Il libero flusso di informazioni e l’espressione di sé sono ossigeno e luce solare per la democrazia rappresentativa, che funziona meglio con le politiche ricotte nel calderone bollente del pubblico discussione. È assiomatico che senza libertà di parola la democrazia appassisce …

Per consolidare e rafforzare il loro potere, le dittature mirano a sostituire quegli ingredienti vitali dell’autogoverno – dibattito, espressione di sé, dissenso e scetticismo – con rigide ortodossie autoritarie che fungono da surrogati secolari della religione. Queste ortodossie si comportano per abolire il pensiero critico e le popolazioni di reggimento in obbedienza cieca e incondizionata alle autorità immeritevoli …

La censura è violenza, e questa sistematica imbavagliamento del dibattito – che i sostenitori giustificano come misura per ridurre la pericolosa polarizzazione – sta in realtà alimentando la polarizzazione e l’estremismo che gli autocrati usano per reprimere controlli sempre più draconiani. Potremmo ricordare, in questo strano momento della nostra storia, l’amico di mio padre, l’avvertimento di Edward R. Murrow:

‘Il diritto al dissenso … è sicuramente fondamentale per l’esistenza di una società democratica. Questo è il diritto che è andato per primo in ogni nazione che è inciampata sul sentiero del totalitarismo”.

Il dogma fabbricato si pone come “consenso scientifico”

Per anni ho denunciato la corruzione e la collusione tra le industrie private e le agenzie governative che dovrebbero regolarle. Oggi, il pericolo che le agenzie catturate rappresentano per la salute pubblica è chiaro a chiunque.

Abbastanza convenientemente, le uniche “fonti attendibili” che le persone possono esaminare sono proprio le agenzie che sono state catturate e corrotte dall’industria. Nel frattempo, ci sono molte migliaia di esperti medici e scienziati indipendenti che sono in disaccordo con veemenza con il “consenso scientifico” presentato da queste agenzie e hanno le prove per sostenere le loro obiezioni.

Tutti loro vengono ora censurati in un modo o nell’altro. Il risultato finale è un pubblico completamente poco informato e fuorviato, e da questo non può derivare una sola cosa buona. Come dice Kennedy:

“Invece di citare studi scientifici per giustificare i mandati per maschere, blocchi e v-a-c-c-i-n-i, i nostri dirigenti medici citano WHO, CDC, FDA e NIH …

Quindi, non sorprende che, invece di chiedere la scienza della sicurezza del nastro blu e incoraggiare un dibattito onesto, aperto e responsabile sulla scienza, i funzionari sanitari del governo gravemente compromessi e di recente abilitazione incaricati di gestire la risposta alla pandemia C-O-V-I-D-19 hanno collaborato con i media tradizionali e i social media interrompere la discussione sulle questioni chiave della salute pubblica e dei diritti civili.

Hanno messo a tacere e scomunicato gli eretici come il dottor Mercola che ha rifiutato di genuflettersi alla Pharma e trattare la fede incondizionata in zero responsabilità, v-a-c-c-i-n-i sperimentali scadenti come un dovere religioso.

La rubrica del “consenso scientifico” della nostra attuale iatrarchia è l’iterazione contemporanea dell’Inquisizione spagnola. È un dogma fabbricato costruito da questo cast corrotto di tecnocrati medici e dai loro collaboratori dei media per legittimare le loro pretese di nuovi poteri pericolosi.

I sommi sacerdoti della moderna Inquisizione sono i gasbag della rete e delle notizie via cavo di Big Pharma che predicano la rigida obbedienza ai diktat ufficiali, inclusi i blocchi, le distanze sociali e la rettitudine morale di indossare maschere nonostante l’assenza di una scienza peer-reviewed che dimostra in modo convincente che le maschere prevengono C-O-V-I-D-19 trasmissione. La necessità di questo tipo di prova è gratuita.

Ci consigliano invece di “fidarci degli esperti”. Tale consiglio è sia antidemocratico che antiscientifico. La scienza è dinamica. Gli “esperti” spesso differiscono sulle questioni scientifiche e le loro opinioni possono variare in base alle esigenze della politica, del potere e degli interessi finanziari.

Quasi tutte le azioni legali che io abbia mai portato si contrappongono a esperti altamente accreditati provenienti da parti opposte, e tutti giurano sotto giuramento a posizioni diametralmente antitetiche basate sulla stessa serie di fatti. La scienza è disaccordo; la nozione di consenso scientifico è un ossimoro”.

Proteggi la tua salute

Il “consenso scientifico” in cui la tecnocrazia medica vuole farvi credere è che i v-a-c-c-i-n-i sono l’unica risposta disponibile a questa pandemia. Finora, tutte le strategie preventive e le terapie farmacologiche più sicure sono state minimizzate nel migliore dei casi e censurate o bandite nel peggiore dei casi.

La realtà è che ci sono molte alternative e tutte sono molto più sicure delle terapie geniche C-O-V-I-D-19 sperimentali che vengono fornite. Rivedo quelli che credo siano i più importanti in “The Truth About C-O-V-I-D-19”.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/

®wld 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...