sabato 28 marzo 2020

Tucidide ci offre una narrazione di una pestilenza diversa in tutti i tipi di ciò che affrontiamo

 

Cosa può insegnarci la peste di Atene sul coronavirus di oggi? 

Il coronavirus sta concentrando le nostre menti sulla fragilità dell'esistenza umana di fronte a una malattia mortale. Parole come "epidemia" e "pandemia" (e "panico") sono diventate parte del nostro discorso quotidiano. Ma se guardiamo indietro nella storia, possono essere stabilite molte somiglianze. Prendi la peste di Atene, per esempio, quali lezioni possiamo imparare? 

Antiche origini greche 

Le parole epidemia e pandemia sono di origine greca e indicano il fatto che gli antichi greci pensavano molto alla malattia, sia nel suo senso puramente medico sia come metafora della più ampia condotta degli affari umani. Ciò che i Greci chiamavano la "peste" (loimos) appare in alcuni passaggi memorabili della letteratura greca. 

Una tale descrizione si trova all'inizio della letteratura occidentale. L'Iliade di Omero (intorno al 700 a.C.) inizia con una descrizione di una pestilenza che attacca l'esercito greco a Troia. Agamennone, il principe capo dell'esercito greco, insulta un prete locale Apollo chiamato Chryses. 

Apollo è il dio della peste, un distruttore e un guaritore, e punisce tutti i greci inviando una pestilenza in mezzo a loro. Apollo è anche il dio degli arcieri ed è raffigurato che lancia frecce contro l'esercito greco con un effetto terribile: 
Apollo fece arrabbiare le guglie dell'Olimpo nel suo cuore, portando sulle spalle l'arco e il cappuccio faretre; e gli assi si scontrarono sulle spalle del dio ambulante arrabbiato. ... Terribile fu lo shock che sorse dall'arco d'argento. 

Innanzitutto, ha seguito i muli e i cani che lo circondavano, quindi li ha rilasciati
una freccia straziante contro gli uomini stessi e li colpì. 

Gli incendi del cadavere bruciavano ovunque e continuavano a bruciare.
 
Dipinto raffigurante un'antica peste. (Peter van Halen / CC BY 4.0) 

Le narrazioni della peste di Atene 

Circa 270 anni dopo l'Iliade, o intorno, la peste è il fulcro di due grandi opere ateniesi classiche: Edipo il re di Sofocle e il libro 2 della storia di guerra del Peloponneso di Tucidide. 

Tucidide (4660-400 a.C. circa) e Sofocle (490-406 a.C.) sarebbero stati conosciuti ad Atene, sebbene sia difficile dire molto di più a causa della mancanza di prove. Le due opere di cui sopra sono state prodotte approssimativamente nello stesso momento. L'opera Edipo probabilmente ebbe luogo intorno al 429 a.C. C., e la peste di Atene avvenne nel 430-426 a. C. 

Tucidide scrive prosa, non verso (come fanno Omero e Sofocle), e ha lavorato nel campo relativamente nuovo della "storia" (che significa "ricerca" in greco). Il suo focus era la guerra del Peloponneso che fu combattuta tra Atene e Sparta, e i loro rispettivi alleati, tra 431 e 404 a.C.
 
 
 Statua di Tucidide al di fuori del Parlamento austriaco. (SianStock / Adobe)

Descrizione di Tucidide della pestilenza che colpì Atene nel 430 a.C. C. è uno dei grandi passaggi della letteratura greca. Una delle cose degne di nota è quanto sia focalizzata sulla risposta sociale globale alla peste, sia quelli che sono morti sia quelli che sono sopravvissuti. 

Una crisi sanitaria 

La descrizione della peste deriva immediatamente dal famoso racconto di Tucidide sulla preghiera funebre di Pericle (è importante che Pericle morì di peste nel 429 a.C., mentre Tucidide fu infettato ma sopravvisse).
 
 
Preghiera funebre di Pericle. (Philipp Foltz / Dominio pubblico) 

Tucidide offre una panoramica delle prime fasi della peste, con probabili origini nel Nord Africa, la sua diffusione nelle più ampie regioni di Atene, le lotte dei medici per affrontarla e l'elevato tasso di mortalità delle stesse pestilenze. medici. 

Nulla sembrava migliorare la crisi, né conoscenze mediche né altre forme di apprendimento, né preghiere né oracoli. In effetti, "alla fine le persone erano così sopraffatte dalle loro sofferenze che non prestavano più attenzione a tali cose".
Sintomi mortali 

Descrive i sintomi in qualche dettaglio: la sensazione di bruciore di coloro che ne soffrono, dolori di stomaco e vomito, il desiderio di essere completamente nudi senza dormire sul corpo, insonnia e irrequietezza. 

La fase successiva, dopo sette o otto giorni se le persone sopravvivevano così a lungo, vide la peste cadere nell'intestino e in altre parti del corpo: genitali, dita delle mani e dei piedi. Alcune persone sono persino diventate cieche. 

Le parole falliscono davvero quando si cerca di dare un quadro generale di questa malattia; e per quanto riguarda le sofferenze degli individui, sembravano quasi al di là della capacità della natura umana di resistere. 

Quelli con costituzioni forti non sopravvissero meglio dei deboli. 

La cosa più terribile fu la disperazione in cui le persone caddero quando si resero conto di aver preso la peste; perché avrebbero immediatamente adottato un atteggiamento di totale disperazione e, cedendo in questo modo, avrebbero perso i loro poteri di resistenza. 

Ripartizione dei valori tradizionali 

Infine, Tucidide si concentra sulla scomposizione dei valori tradizionali in cui il compiacimento ha sostituito l'onore, dove non c'era timore di Dio o dell'uomo.
Per quanto riguarda i crimini contro la legge umana, nessuno si aspettava di vivere abbastanza a lungo per essere processato e punito: invece, tutti sentivano che era stata emessa una sentenza molto più severa. 

La descrizione completa della peste nel Libro 2 dura solo circa cinque pagine, sebbene sembri più lunga. 

Il primo focolaio di peste è durato due anni, quindi ha colpito una seconda volta, anche se con meno virulenza. Quando Tucidide riprende brevemente il filo della peste poco dopo (3,87), fornisce un numero di defunti: 4.400 opliti (cittadini-soldati), 300 cavalieri e un numero sconosciuto di gente comune. 

Niente ha danneggiato gli Ateniesi così tanto, né ridotto la loro forza per la guerra.
Una lente moderna  

Gli studiosi moderni discutono della scienza di tutto, soprattutto perché Tucidide offre una generosa quantità di dettagli sui sintomi. 

Il tifo epidemico e il vaiolo sono i più favoriti, ma sono state postulate circa 30 diverse malattie. 

Tucidide ci offre una narrazione di una pestilenza diversa in tutti i tipi di ciò che affrontiamo. 

Le lezioni che apprendiamo dalla crisi del coronavirus verranno dalle nostre stesse esperienze, non dalla lettura di Tucidide. Ma questi non si escludono a vicenda. Tucidide ci offre una descrizione di una città-stato in crisi che è tanto commovente e potente come lo era nel 430 a.C. C. 

Immagine di copertina: Sinistra: uomo moderno con una maschera per proteggersi dal coronavirus. Fonte: dominio pubblico. A destra: la peste di Atene. Fonte: Michiel Sweerts / Publico dominio
Originariamente scritto da Chris Mackie, professore di classici, Università La Trobe. 

L'articolo "Cosa può insegnarci la peste di Atene sul coronavirus di oggi?" È stato originariamente pubblicato in The Conversation come "Tucidide e la peste di Atene: cosa può insegnarci ora", il 19 marzo 2020. 


Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Crolla Cabala, Crolla! INTERO Parti 1-10 | IL GRANDE RISVEGLIO

Scopri Subito se hai Copertura 5G

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...