martedì 1 giugno 2021

Tre modi in cui la convergenza biodigitale sta emergendo


CONVERGENZA BIODIGITALE: UN DOCUMENTO ESPLOSIVO RIVELA LA VERA AGENDA

Puro transumanesimo e tecnocrazia che cerca “la piena integrazione fisica di entità biologiche e digitali” per “cambiare gli esseri umani – i nostri corpi, le nostre menti e i nostri comportamenti”. Ci stanno traghettando. Con una velocità impressionante. James Corbett suona la campana. 

By James Corbett
corbettreport.com

Se non avete ancora letto “Exploring Biodigital Convergence”, vi suggerisco di interrompere quello che state facendo e leggerlo subito. Seriamente. Aspetterò. . . .

. . . E dopo che lo avete fatto , sicuramente sarete d’accordo con me che questa è una cosa importante. Siete pronti a conoscerla? 

OK, iniziamo a scavare.

La prima cosa da notare di questo documento rivelatore è che si tratta di una pubblicazione ufficiale del governo del Canada. Più specificamente, è del ”Policy Horizons Canada“, che si presenta come “un’organizzazione del governo federale che svolge attività di previsione”. Chiaro come il sole? Bene, apparentemente il loro mandato è “aiutare il governo del Canada a sviluppare politiche e programmi orientati al futuro che siano più solidi e resistenti di fronte al cambiamento dirompente all’orizzonte”, e costituiscono un “centro di previsione” del governo, compreso un “capo futurista” e un team di “analisti di previsione” che lavorano nel primo “laboratorio di innovazione” del governo del Canada, producendo regolarmente “MetaScans” su argomenti di interesse per il governo, che includono “approfondimenti comportamentali e sperimentazioni”.

Se questo può sembrare un mucchio di gergo burocratico federale concepito per offuscare il fatto che questo sia proprio un think tank governativo che parla di tendenze e sviluppi futuri, allora come non preoccuparsi. È precisamente ciò che è.

La seconda cosa che noterete del documento è la faccia compiaciuta di Kristel Van der Elst, che, ci dicono, sia la direttrice generale di Policy Horizons Canada e anche l’autrice della prefazione di questo documento. Tre secondi di ricerca vi riveleranno che la signora Van der Elst è l’ex responsabile delle previsioni strategiche al (avete intuito) del World Economic Forum, che ha una scheda bingo globalista impressionante quasi quanto quella della dottoressa Leana Wen.

Oltre ad essere in confidenza con la gente di Davos, è anche una borsista Fulbright che è andata a Yale, è consigliere speciale del vicepresidente della Commissione europea Maroš Šefčovič e, oltre a dirigere Policy Horizons Canada, è anche collega del Center for Strategic Foresight dell’Ufficio di responsabilità del governo degli Stati Uniti. Quelle surprise.

Cosa dice la Van der Elst nella sua prefazione?

Nei prossimi anni, le tecnologie biodigitali potrebbero essere incorporate nelle nostre vite nel modo in cui lo sono ora le tecnologie digitali. I sistemi biologici e digitali stanno convergendo e potrebbero cambiare il modo in cui lavoriamo, viviamo e persino evolvere come specie. Più che un cambiamento tecnologico, questa convergenza biodigitale potrebbe trasformare il modo in cui comprendiamo noi stessi e farci ridefinire ciò che consideriamo umano o naturale [tutte le sottolineature in questo articolo sono mie].

Indovinate un po’, gente? Ho appena trovato il mio riassunto da usare ogni volta che mi viene chiesto di spiegare il Grande Reset e la Quarta Rivoluzione Industriale in poche parole. Proprio lì, in poche brevi e nitide frasi, c’è esattamente tutto ciò che ho segnalato per quanto riguarda l’agenda transumanista da 13 anni a questa parte. Tuttavia, in pieno spirito di cospirazione aperta, dal momento che questa è una blanda ammissione da parte di un alto funzionario di un think tank governativo, sarà indubbiamente vista come una banale, e scontata verità dai normodotati che cercano di trovare un modo per minimizzare l’imminente estinzione della razza umana.

E da lì, le cose diventano ancora più strane.

Il documento continua a delineare “Tre modi in cui la convergenza biodigitale sta emergendo”, vale a dire:

1.Piena integrazione fisica delle entità biologiche e digitali;

2. Coevoluzione delle tecnologie biologiche e digitali; e

3.Convergenza concettuale di sistemi biologici e digitali,

Rileggete questa elencazione, nel caso non ne abbiate colto il significato la prima volta. Ma se non avete colto l’importanza di queste direzioni, ecco che il rapporto fornisce alcuni esempi concreti di ciascuna di esse.

Per quanto riguarda la “Piena integrazione fisica delle entità biologiche e digitali”, il documento nota:

I robot con cervelli biologici e i corpi biologici con cervelli digitali esistono già, così come le interfacce uomo-computer e cervello-macchina. L’uso medico di dispositivi digitali negli esseri umani, così come gli insetti manipolati digitalmente come le libellule drone e le locuste di sorveglianza, sono esempi di tecnologia digitale combinata con entità biologiche. Collegandosi al sistema nervoso e manipolando i neuroni, la tecnologia può essere aggiunta a un organismo per alterarne la funzione e lo scopo. Nuovi corpi umani e nuovi sensi di identità potrebbero nascere man mano che la convergenza avanza.

Per quanto riguarda la “Coevoluzione delle tecnologie biologiche e digitali”, ci viene detto che c’è “una confusione tra ciò che è considerato naturale o organico e ciò che è digitale, ingegnerizzato o sintetico”.

Per esempio, la vaniglia biosintetica è creata usando acido ferulico, eugenolo e glucosio come substrati, e batteri, funghi e lieviti come organismi di produzione microbica. Anche se non proviene da una pianta di vaniglia, secondo la legislazione alimentare degli Stati Uniti e dell’UE, la sua produzione da “trasformazioni microbiche di precursori naturali” permette di etichettarla come “aroma naturale”.

E nell’elaborazione della “convergenza concettuale dei sistemi biologici e digitali”, gli autori di questo rapporto affermano che:

Mano a mano che continuiamo a comprendere e controllare meglio i meccanismi che stanno alla base della biologia, possiamo vedere un allontanarsi dal vitalismoil concetto che gli organismi viventi e non viventi siano fondamentalmente diversi perché si pensa che siano governati da principi diversi. Al contrario, la concezione della biologia come dotata di caratteristiche prevedibili e gestibili digitalmente potrebbe diventare sempre più comune come risultato del vivere in un’era biodigitale. Qualsiasi studente di biologia oggi sarà cresciuto in un mondo digitale e potrebbe consapevolmente o inconsapevolmente applicare quel quadro di riferimento alla bioinformatica e alla biologia in generale.

Avete già capito in che direzione si sta andando? Non sorvolate su questo materiale e non prendetelo alla leggera. Un think tank governativo sta parlando apertamente dell’offuscamento dei confini tra sistemi biologici e digitali, tra organismi viventi e non viventi, e di come questo potrebbe portare a “nuovi corpi umani” e nuovi sensi di identità umana. Il piano transumanista per realizzare l’estinzione dell’homo sapiens viene discusso e sezionato con calma come se fosse solo un’altra scoperta tecnologica dagli scienziati.

Non permettete che il vostro orientamento verso la normalità prenda il sopravvento qui. Questa è una follia.

Ma aspettate! Diventa ancora più folle!

In seguito, siamo intratenuti con un po’ di narrativa cyberpunk dai frustrati aspiranti scrittori di fantascienza del Policy Horizons Canada. In una bizzarra narrazione intitolata “Good morning, biodigital”, siamo condotti attraverso una giornata tipica nella vita di un post-umano medio in questo stato di incubo biodigitale. Ecco un passaggio rappresentativo:

Il riassunto dei filmati di sorveglianza del mio bugbot mostra che il mio appartamento era al sicuro da intrusi (compresi altri bugbots) la scorsa notte, però mi informa che il mio stormo di piccole cyber libellule ha fame. Hanno lavorato duramente tutta la notte per raccogliere dati e monitorare l’ambiente esterno, ma il numero di zanzare e zecche portatrici di Lyme, che di solito vanno a cacciare per rifornirsi di energia, era inferiore del previsto. Con un pensiero, ordino per loro un’integrazione di sostanze nutritive.

Come laureato in inglese, il mio primo pensiero è di non mollare il lavoro nei confronti di quel “analista di previsioni” che ha scritto questo pezzo esuberante di spazzatura. Ma come conoscitore della propaganda transumanista, devo notare che questa descrizione di distopia futura soddisfa ogni voce della lista dei desideri dell’Agenda 2030 dei globalisti:

Persone ammassate in ambienti urbani densi e rassicurate con facsimili digitali del mondo naturale? Esatto.

Una tecnologia intelligente che controlla tutto ciò che facciamo e prende tutte le decisioni importanti per noi? Esatto.

Qualche breve sguardo alla minaccia che questa tecnologia rappresenta per noi (bugbot invasori e simili) viene immediatamente dissipato da un’attenta elaborazione di tutte le cose incredibili che questa tecnologia così brillante può fare (come far crescere un fegato per un cucciolo  come progetto di studio) ? Bene.

Una utile nota in corsivo alla fine ci informa che “Questa storia può sembrare inverosimile, ma tutte le tecnologie menzionate esistono in qualche forma oggi”? Naturalmente, questo è un punto a favore.

Poi, con un colpo di frusta verbale tipico di questi documenti di relazione, siamo richiamati alla domanda: “Quali nuove capacità stanno emergendo dalla convergenza biodigitale?”. Questa volta le informazioni ci vengono presentate sotto forma di tabella:

“Quali nuove capacità si aprono?” (per esempio, “Nuovi modi per monitorare, controllare e influenzare le funzioni corporee, e per prevedere, diagnosticare e trattare le malattie”),

“Quali combinazioni di tecnologie biologiche e digitali lo rendono possibile?” (per esempio, “Il sequenziamento genico dell’intero campione ci aiuta a capire ambienti complessi come il microbioma umano; i dispositivi digitali possono essere indossati o incorporati nel corpo per il trattamento e il monitoraggio delle funzioni; e i sistemi di apprendimento automatico possono prevedere la mortalità e i risultati del trattamento”), e

“Cosa è possibile oggi?”(ad esempio, “La biopsia liquida di Guardant si dimostra più accurata e più veloce della biopsia dei tessuti per i pazienti con cancro ai polmoni; i ricercatori dell’Università di Waterloo sviluppano un sensore autoalimentato per il monitoraggio medico; il brevetto di Amazon permetterà ad Alexa di rilevare una tosse o un raffreddore; l’AI permette una previsione affidabile del risultato del coma”).

La terza colonna è particolarmente istruttiva per coloro che possono essersi persi alcuni degli ultimi sviluppi della tecnologia biodigitale, come la dimostrazione di Microsoft del primo sistema di archiviazione dati del DNA completamente automatizzato o l’uso di CRISPR per costruire dei computer a doppio core nelle cellule umane.

Segue una sezione che analizza le “caratteristiche potenziali del sistema biodigitale” e ci assicura che queste tecnologie saranno una democratizzazione; dopo tutto, “corrispondenze di kit di bioingegneria o CRISPRi permettono ai biohacker di acquisire e praticare la modifica genetica a domicilio”. (Sicuramente queste tecnologie saranno distribuite equamente e sicuramente non accaparrate dalle agenzie di intelligence del mondo e usate contro la loro stessa gente, giusto?)

Gli “Analisti del futuro ” che stanno dietro a questo documento sostengono persino che queste tecnologie porteranno alla decentralizzazione, citando la carne coltivata in laboratorio, tra tutte le cose, come un esempio perché ” crea la capacità di coltivare il cibo e produrre carne senza bisogno di terreni agricoli “. Aspettate, quindi, invece che chiunque, ovunque, possa letteralmente gettare semi nel terreno e raccoglierne i frutti, ora avete bisogno di accedere a complesse e costose attrezzature di laboratorio per “coltivare” il vostro cibo. E questo dovrebbe decentralizzare la produzione di cibo? C’è un meme per questo.

Infine, il documento approfondisce le implicazioni politiche di queste tecnologie. Sono sicuro che potete scegliere da soli le vostre perle in questa sezione, il mio preferito è lo scenario da “incubo neurotecnologico” che dipingono nella loro colonna marginale su “il futuro non è più quello di una volta” (che, come noteranno i lettori attenti, è stranamente simile al precursore canadese del credito sociale “Carrot Rewards” di cui ho parlato in queste pagine quattro anni fa.

Ora ci sono molte, molte cose da dire su questo documento, ma riduciamolo ad alcuni messaggi chiave.

In primo luogo, data la ripetuta insistenza del documento sull’utilità di queste tecnologie biodigitali per la prevenzione, la localizzazione, la diagnosi e il trattamento delle pandemie, è interessante notare che il rapporto è stato rilasciato nel febbraio 2020, il che significa che è stato scritto molto prima che la campagna C*O*V*I*D venisse imposta al pubblico canadese.

In secondo luogo, e più importante, fornisce un’ulteriore conferma (se ce ne fosse bisogno) che gli aspiranti ingegneri sociali non stanno solo lavorando ma pianificando attivamente l’estinzione dell’homo sapiens. Leggete il documento. Questa non è esagerazione. Stanno letteralmente parlando della ridefinizione di ciò che significa essere umani. Questa è ancora una volta la biforcazione dell’umanità tipo Eloi e Morloch di cui parlavano quei pazzi teorici della cospirazione alla BBC 15 anni fa e di cui quel babbeo Klaus Schwab sta scrivendo da 5 anni.

Non cadete nella trappola di discutere sulla possibilità che questa o quella particolare tecnologia che stanno cercando di vendere come parte di questa visione transumanista del futuro si realizzi o meno. A loro piacerebbe molto coinvolgervi in interminabili e inutili discussioni sul fatto che un tostapane abbia un’anima, mentre sono impegnati a lanciare le piattaforme di interfaccia cervello-macchina integrate e a rilasciare gli sciami di locuste biodigitali e a creare forme di vita bioingegnerizzate totalmente sintetiche.

Queste cose stanno già accadendo.

E mentre ho detto in precedenza di credere che la montatura del “caricheremo tutti la nostra coscienza su un computer ed esploreremo l’universo attraverso un avatar robotico” riguardo al futuro transumano sia effettivamente una sciocchezza venduta agli amministratori mediocri dello stato tecnocratico per motivarli, non dobbiamo perdere di vista il fatto che i transumanisti stanno in effetti lavorando attivamente per alterare l’umanità in modo tale che questa non sia più veramente umana.

In realtà, i “transumanisti” si rivelano come post-umanisti, con una vera e propria brama anti-umana. Questa brama viene rivelata apertamente in documenti come questo. Respingiamo questa minaccia aperta e ammessa per la specie umana a nostro rischio e pericolo.

Stanno lavorando per l’eliminazione dell’homo sapiens. Le iniezioni di mRNA sono solo l’inizio della fine, che comporterà prima o poi la trasformazione completa dell’umanità in qualcosa di totalmente diverso. E proprio nel momento in cui permettiamo che si crei il precedente per cui i governi possono imporre l’iniezione forzata di tecnologie biomediche sconosciute in nome di una “crisi” sanitaria dichiarata, l’incubo di Orwell di uno stivale che calpesta il volto umano si trasforma da un oscuro avvertimento su un possibile futuro in una certezza effettiva.

Siete stati avvertiti. Vi suggerisco di avvertire gli altri. Ma permettetemi di fare una mia previsione audace: La maggior parte sceglierà di respingere queste informazioni con lo stesso tipo di auto-inganno che ho descritto alla fine dell’articolo della settimana scorsa.

Traduzione a cura di Nogeoingegneria – i link contenuti nell’articoli sono stati aggiunti.

FONTE https://www.corbettreport.com/biodigital-convergence-bombshell-document-reveals-the-true-agenda/

Pubblicato sul sito web: https://www.nogeoingegneria.com/

®wld

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Niente più Cinema, tutto sarà in streaming – indipendentemente dal Covid o dai vaccini

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”
Leggi QUI L'articolo di imolaoggi.it
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...