lunedì 23 novembre 2020

Infanzia: diritti celebrati, diritti negati - Un mondo rovesciato

blue red and white plastic toy  

Viviamo un mondo rovesciato, che schiaccia il presente sui fardelli del passato, negandosi una qualsiasi apertura di senso verso un futuro possibile. Come quello di questo strano secondo lockdown, che a tutti ha concesso aperture e flessibilità, tranne a loro: ai nostri bambini e adolescenti, di cui celebriamo ipocritamente le “Giornate” e i “diritti”, clamorosamente negati. E se ripartissimo dal "diritto alla filosofia"?

Da anni ormai, la Giornata Mondiale della Filosofia (istituita dall’UNESCO nel 2002) si accompagna nel nostro calendario alla Giornata mondiale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. E sono ormai 4 anni che noi di Amica Sofia celebriamo queste Giornate in molti modi e in molti luoghi, riconoscendoci profondamente in esse e ancor di più nella loro straordinaria vicinanza, che non è certamente un caso. Quest’anno, lo facciamo con una staffetta di pensiero nelle aule virtuali delle nostre scuole purtroppo chiuse, che andrà avanti fino al prossimo giovedì 26: tutti possono liberamente partecipare.

Se provassimo infatti a rileggere e interpretare in un’unica chiave i Diritti proclamati nella carta dell’ONU per l’Infanzia e l’Adolescenza, sarebbe facile trovare questa chiave in una sola parola, non detta, ma da noi osata: il “Diritto alla Filosofia”.

Oggetto di uno straordinario convegno internazionale tenutosi anni fa a Venezia e di un altrettanto straordinario forum seguito per noi e per il Sole 24 Ore da Dorella Cianci, in cui ebbero ad esprimersi tra gli altri Remo Bodei e Umberto Eco, diritto alla filosofia è una felice provocazione lanciata dal nostro fondatore Livio Rossetti.

Significa diritto al pensiero libero, non al pensiero “critico” di cui si discute nel mondo degli adulti. No, la filosofia dei bambini, quella alla quale i bambini e i ragazzi hanno diritto, è fatta piuttosto della materia soffice e colorata dell’immaginazione. È pensiero “visuale”, divergente: pensiero che apre mondi possibili, infiniti, per noi troppo distanti e inimmaginabili, forse perduti.

Eppure, i bambini, i ragazzi, avrebbero diritto a questa “filosofia” precisamente per questo motivo: perché il mondo che verrà non è e non può essere più il nostro, ed è loro diritto immaginarlo, pensarlo e costruirlo, al di là dei confini consunti e stanchi delle nostre paure e delle nostre “criticità”.

Ripensando in maniera libera e incondizionata il loro stesso modo di stare al mondo, provando magari ad immaginare insieme a noi una società più degna di essere definita “civile”: dove nelle emergenze si mettano in primo piano i loro diritti, a partire dalla scuola, prima di affannarsi a “ristorare” le imprese e i commerci.

L’altra sera, in TV, il direttore De Bortoli, con la sua consueta e ammirevole pacatezza e precisione, faceva notare una cosa molto semplice: ci siamo accorti che in Italia si parla di “Recovery Fund” senza mai chiamare questo programma di rilancio economico dell’Europa con il suo vero nome? E sì, perché il suo nome è questo: “Next Generation EU”.

E anche qui, siamo ancora noi adulti a programmare quello che dovrebbe essere il loro futuro. E come? Accumulando alle loro spalle debiti e crisi, delle quali siamo incapaci assumerci il peso. Si parla di Recovery Fund, e intanto pensiamo ad allargare quel debito che non saremo certo noi a pagare.

Un mondo rovesciato, che schiaccia il presente sui fardelli del passato, negandosi una qualsiasi apertura di senso verso un futuro possibile. Come quello di questo strano secondo lockdown, che a tutti ha concesso aperture e flessibilità, tranne a loro: ai nostri bambini e adolescenti, di cui celebriamo ipocritamente le “Giornate” e i “diritti”, clamorosamente negati.

*Massimo Iiritano, Presidente Amica Sofia

Photo by Markus Spiske on Unsplash

Fonte: http://www.vita.it/it/article/2020/11/23/infanzia-diritti-celebrati-diritti-negati/157461/

 
Letture consiogliate:
 
 
 

®wld

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Niente più Cinema, tutto sarà in streaming – indipendentemente dal Covid o dai vaccini

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”
Leggi QUI L'articolo di imolaoggi.it
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...