mercoledì 4 novembre 2020

Un nuovo certificato digitale chiamato CommonPass

iomagine in piedi a un punto di controllo di sicurezza della TSA mentre torni a casa per le vacanze. Ti stai preparando ad affrontare le imbarazzanti procedure di viaggio istituite quasi immediatamente dopo l'11 settembre quando è stata creata la Transportation and Security Administration (TSA)  e il viaggio aereo negli Stati Uniti si è trasformato in un'operazione di ricerca e sequestro con la possibilità implicita del tuo detenzione e interrogatorio.

L'indignazione iniziale che tali espressioni di violenza di stato implicita causarono all'inizio alla fine lasciò il posto a una riluttante accettazione. Ma ora, un nuovo livello di "sicurezza", che potrebbe limitare ulteriormente la libertà di movimento, è stato implementato in diversi porti di ingresso in collaborazione con leader del settore della tecnologia sanitaria, istituzioni accademiche ed enti sanitari governativi in ​​più di tre dozzine di paesi.

Un nuovo certificato digitale chiamato CommonPass, progettato per fungere da meccanismo di autorizzazione per i passeggeri sulla base di una diagnosi sanitaria, è stato sottoposto  il 21 ottobre al suo primo test transatlantico sotto l'occhio vigile dei Centers for Disease Control (CDC) e US Customs and Border Protection (CBP) ) all'aeroporto di Heathrow a Londra. Lì, un gruppo di partecipanti selezionati si è imbarcato sul  volo United 15 diretto a Newark, nel New Jersey, dopo essere stato sottoposto a screening e test per COVID-19 al punto di partenza in un esercizio in gran parte cerimoniale che includeva i co-fondatori dell'iniziativa, Paul Meyer e Bradley Perkins. 

La prima esecuzione di prova dell'app è avvenuta con molto meno clamore mediatico il mese scorso su un volo Cathay Pacific Airways da Hong Kong a Singapore e ha segnato l'inizio del progetto pilota CommonPass lanciato dall'organizzazione  no-profit The Commons Project in tandem con il World Economic Forum.

Gli addetti ai lavori del settore dei viaggi affermano che CommonPass consentirà la ripresa dei viaggi internazionali prima che un vaccino COVID-19 sia reso ampiamente disponibile applicando metodi standard per la certificazione dei risultati di laboratorio e le registrazioni delle vaccinazioni dei viaggiatori attraverso il CommonPass Framework, sulla base dei criteri stabiliti dai governi di ciascuno porto di entrata.

 Panoramica di CommonPass 

Un grafico tratto da un presser del Commons Project illustra le basi del CommonPass

JD O'Hara, CEO di una delle più grandi società di servizi di viaggio del mondo e uno dei partecipanti alla corsa di prova CommonPass di mercoledì, ha salutato  la capacità dell'app di "verificare la salute

informazioni in modo sicuro e verificato", mentre Roger Dow della US Travel Association ha rilasciato una dichiarazione in cui si  loda per aver aperto una "via da seguire" per l'economia globale sulla scia della pandemia.

Mentre la risposta globale e multisettoriale al coronavirus stringe il cappio intorno alle libertà civili, CommonPass si distingue come uno degli attacchi più spaventosi e pericolosi ai diritti umani fondamentali nel nome della salute pubblica ed è pieno di un potenziale di abuso così grande, che ci conviene saperne di più sulle persone e sugli interessi che ci stanno dietro.

Revivalisti feudali

In epoca medievale, i "comuni" indicavano la proprietà de facto e collettiva della terra, che i contadini usavano per arare, seminare e mietere o allevare pecore e bovini. L'ascesa delle classi proprietarie della terra nell'Europa post-Magna Carta, e l'Inghilterra in particolare, ha lentamente sviscerato questa forma di privilegio comune attraverso il sistema di recinzione, che ha ridistribuito i beni comuni alla classe proto-capitalista in collaborazione con le monarchie e ha creato il sistema di sfruttamento del lavoro oppressivo noto come feudalesimo.

A partire dal 1604, gli Enclosure Acts of England hanno creato i diritti di proprietà legale per la terra che era appartenuta agli agricoltori e ai pastori, formando la base del capitalismo moderno. Oggi, quella scena si ripete come Internet, un "comune" dell'informazione viene scavato da Big Tech e guidato da organizzazioni come The Commons Project, che si avvale di un nome che connota il totale opposto del suo scopo.

I co-fondatori Paul Meyer e Bradley Perkins sono rispettivamente CEO e Chief Medical Officer dell'organizzazione non profit. Perkins ha iniziato la sua carriera  più di trent'anni fa presso il Center for Disease Control e, per quasi un decennio, ha lavorato presso la divisione sanitaria della RAND corporation,  RAND Health Advisory Board. Meyer, da parte sua, è un laureato in giurisprudenza di Yale, che ha scritto i discorsi del presidente Clinton anni prima di ricevere il diploma di laurea dalla storica istituzione. Entrambi hanno una lunga storia di carriera nel campo della salute e della tecnologia, anche se in aree molto diverse e con strani compagni di letto lungo la strada.

Nel 2009, Perkins è  diventato il Chief Technology Officer per un operatore transnazionale di ospedali e cliniche quotato in borsa chiamato Vanguard Health Systems. Vanguard era stata fondata  con il finanziamento di Morgan Stanley e controllata dal Blackstone Group dal 2004, mantenendo il controllo attraverso l' IPO della società  nel 2011. Due anni dopo, Vanguard è stata acquisita da Tenet Healthcare, creando  la terza società ospedaliera di proprietà di investitori in gli Stati Uniti con un totale di 65 ospedali a livello nazionale e oltre 500 strutture sanitarie.    

Paul Meyer, al centro, è raffigurato in uno screenshot di un briefing per i media che sollecita CommonPass

Oltre ad essere una delle più grandi aziende sanitarie degli Stati Uniti, Tenet è anche una delle più notoriamente corrotte. Lo stesso anno in cui ha acquistato Vanguard, è stato schiaffeggiato con un'importante denuncia da parte di un informatore  che ha rivelato le pratiche fraudolente dell'azienda. Quella causa ha portato a un accordo di 514 milioni di dollari. Un caso più recente riguardante una cospirazione tra chirurghi ortopedici dell'Oklahoma in una delle sue strutture è stato risolto  per $ 66 milioni nel 2019. Ma i problemi di Tenet risalgono anche ai primi anni 2000 quando la frode e l'esecuzione di interventi chirurgici non necessari hanno portato a una moltitudine di cause legali e persino un'indagine del Senato.

L'accordo Vanguard ha segnato la fine del mandato di Perkins lì, che ha scelto di prendere  un pacchetto da 1,9 milioni di dollari invece di unirsi al conglomerato appena fuso come il suo CEO e gran parte del suo staff. Sarebbe passato alla creazione di una sua società chiamata Sapiens Data Science; una piattaforma di tecnologia sanitaria che fornisce accesso a "algoritmi di dati scientificamente convalidati credibili" e cerca di creare un "nuovo ecosistema sanitario rivoluzionario".  

Il background di Meyer è più complicato e il suo arrivo sulla scena sanitaria attraversa diversi canali legati alle operazioni di copertura dell'intelligence americana risalenti alla guerra della NATO in Kosovo e nell'ex Jugoslavia durante i primi anni di Clinton. È il suo coinvolgimento con un famigerato gruppo di trafficanti di esseri umani noto come International Rescue Committee o IRC, che dovrebbe essere motivo di preoccupazione dato il suo ruolo nel The Commons Project e app CommonPass di punta. 

Il Meyer del Kosovo 

Prima di essere nominato  Young Global Leader dal World Economic Forum o Henry Crown Fellow presso l'Aspen Institute, e anche prima di diventare membro a termine del Council on Foreign Relations e ricevere il premio Humanitarian of the Year 2003 del MIT, Paul Meyer si è trovato in guerra -tornare il Kosovo installando un nuovo sistema di infrastruttura Internet per sostituire quello distrutto durante la guerra, solo pochi giorni  dopo che le bombe della NATO avevano smesso di bombardare il popolo serbo.

Appena uscito dalla scuola di legge e dopo aver trascorso due anni a scrivere i discorsi del presidente Clinton mentre il conflitto nell'ex Jugoslavia stava accadendo, Meyer è stato scelto dall'IRC per guidare uno sforzo di soccorso privato e delle Nazioni Unite  chiamato Internet Projekti Kosova (IPKO) o Kosovo Internet Project , con il locale esperto di tecnologia Akan Ismaili per gestire le complesse questioni tecniche e Teresa Crawford del Progetto Advocacy per "collegare" i satelliti nella regione con lo scopo dichiarato di riunire le famiglie albanesi sfollate. Il sistema è stato installato in  cima a un edificio utilizzato dalla cooperazione civile-militare britannica KFOR CIMIC e anche gli ingegneri reali britannici sono stati coinvolti nel progetto, tra gli altri.  
 
 
Alla fine, l'IRC ha affidato il progetto a un'organizzazione senza scopo di lucro "dedita a fornire un ampio accesso a Internet in Kosovo". IPKO è oggi la più grande azienda di telecomunicazioni, Internet e TV via cavo in Kosovo. Meyer rimane coinvolto attraverso la Fondazione IPKO, che ha co-fondato per fornire "istruzione tecnologica gratuita" agli studenti kosovari.

Negli anni '50, l'IRC era noto per essere un "collegamento integrale" nella rete segreta della CIA guidata dal protetto Tony Blair ed ex ministro degli Esteri britannico, David Miliband dal 2013. Nel 2018, l'IRC è stato coinvolto in uno scandalo sul traffico di bambini a fini sessuali. soprannominato lo "scandalo del sesso in cambio di cibo" ampiamente trattato da Whitney Webb in un recente articolo. L'insabbiamento da parte dell'organizzazione di dozzine di accuse di abusi sessuali, corruzione e frode ha portato il governo britannico a ritirare i propri fondi dalle organizzazioni. Tuttavia, nessun dipendente dell'IRC è stato perseguito per i 37 incidenti descritti nel rapporto.

Attualmente, l'IRC è molto coinvolto nell'implementazione di un sistema di identificazione biometrica per i rifugiati del conflitto in corso in Myanmar, un progetto finanziato  dalla ID2020 Alliance sostenuta dalla Rockefeller Foundation, che finanzia anche The Commons Project. L'iniziativa Mae La dell'IRC, tuttavia, riceve la maggior parte dei suoi finanziamenti attraverso il famigerato USAID tagliato dalla CIA e intende creare un sistema di "identificazione digitale basato su blockchain" utilizzando la tecnologia di riconoscimento dell'iride per dare ai rifugiati l'accesso ai servizi dell'IRC in Thailandia. Gli obiettivi a lungo termine includono l'inserimento di dati sanitari, lavorativi e finanziari in un unico sistema di identificazione, che determinerà l'accesso al cibo, all'assistenza sanitaria e alla mobilità.

Vogliamo il tuo DNA 

La differenza tra il progetto Mae La di IRC e il progetto Commons è una questione di classe. Stato di classe, per essere precisi. Ma è essenzialmente la stessa idea e copre gli stessi interessi dei gruppi e degli individui che fanno parte del consiglio di amministrazione del Commons Project; molti dei quali fanno parte da anni del settore del monitoraggio digitale e della tecnologia sanitaria.

Persone come Linda Dillman, che ha gestito l'implementazione di Wal-Mart della tecnologia di tracciamento dei dipendenti RFID come CIO del gigante della vendita al dettaglio o l'ex Chief Technology Officer per il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, Bryan Sivak, che ora è Managing Director presso Managing Director presso Kaiser Permanente, uno dei più grandi fornitori di piani di assicurazione sanitaria della nazione. Spiccano anche altre affiliazioni di fiduciari, come Will Fitzpatrick, Consigliere generale della rete Omidyar e Assistente segretario alla Difesa, Affari sanitari di George W. Bush, Dr. William Winkenwerder, Jr.  

Al centro di questi sforzi c'è il desiderio di creare un programma di screening della popolazione basato sul DNA, che persone come Perkins e Meyer stanno spingendo avanti con forza. Perkins ha lavorato come CMO presso una società chiamata Human Longevity, Inc., che "combina sequenziamento del DNA all'avanguardia e analisi di esperti con l'apprendimento automatico, per aiutare a trasformare la medicina in una scienza più basata sui dati".

 
Un microbiologo mostra una macchina per il sequenziamento del DNA dell'intero genoma chiamata MiSeq presso la sede centrale del CDC ad Atlanta. David Goldman | AP

Meyer ha sviluppato un precursore di CommonPass nel 2016, quando ha unito la sua società di servizi sanitari mobili, Voxiva, che ha implementato  i "primi sistemi di sorveglianza digitale delle malattie a livello nazionale in Perù e Ruanda" in collaborazione con il CDC, il National Institutes of Health (NIH), con Sense Health per formare un servizio di messaggistica sanitaria chiamato Wellpass  Meyer, descritto come "una piattaforma integrata ... [che] aiuta a superare le sfide legate all'implementazione di soluzioni frammentate di coinvolgimento e salute della popolazione".

Tecnologia dubbia

Anche l'affidabilità delle diagnosi di salute basate sul DNA e dedotte algoritmicamente utilizzate per la sperimentazione CommonPass deve essere messa in discussione vista la storia dell'azienda che fornisce la tecnologia. Prenetics, Ltd è la società con sede a Hong Kong e finanziata da Alibaba che ha anche eseguito  i test COVID-19 per il Project Restart della Premier League britannica, che utilizzava un'app simile sullo stato di salute chiamata Covi-Pass, descritta da questo autore a giugno.
 
 
 
I test COVID di Prenetics si basano sulla tecnologia basata sul DNA acquisita nel 2018, quando ha acquistato DNAFit; una società fondata dall'uomo d'affari sudafricano Avrom “Avi” Lasarow, entrato a far parte della società dopo la fusione come Amministratore Delegato di Prenetics per Europa, Medio Oriente e Africa. Lasarow, che è anche a capo del programma di test sul coronavirus della Premier League, ha appena risolto una causa civile contro di lui negli Stati Uniti lo scorso maggio per quasi $ 60.000 relative ad accuse di "affermazioni sulla salute ingannevoli".
 
"Pioniere della genetica dello stile di vita" Lasarow ha una lunga esperienza nella risoluzione extragiudiziale di tali questioni, inclusa una causa intentata dalla Commissione federale per il commercio degli Stati Uniti nel 2015, che ha accusato Lasarow Healthcare Technologies Ltd., alias L Health Ltd., e altri due imputati di fare affermazioni false o infondate riguardo a un'app per la "rilevazione del melanoma". Come parte di tale accordo, a Lasarow era "vietato fare affermazioni fuorvianti o infondate sui benefici per la salute o sull'efficacia di qualsiasi prodotto o servizio".
 
Secondo quanto riferito, Prenetics sta  lavorando alla creazione di una partnership con VSTE Enterprises, la stessa società che ha sviluppato la tecnologia V-Code che è alla base di Covi-Pass, da maggio. Tuttavia, tali bandiere rosse impallidiscono rispetto agli individui e alle organizzazioni che stanno dietro CommonPass, lo stesso, che hanno piani per un recinto digitale molto più ampio basato su tecnologie di screening della popolazione del DNA attraverso iniziative come il The Commons Project, che mira a trasformare fondamentalmente la medicina e imporre nuovi limiti alla nostra libertà di movimento poiché il lancio di CommonPass è previsto per espandersi rapidamente su altre rotte attraverso l'Asia, l'Africa, le Americhe, l'Europa e il Medio Oriente. 
 
Un filo conduttore 
 
Proprio come l'Aviation and Transportation Security Act di Bush ha aperto le porte a determinati settori della tecnologia e della sicurezza per prosperare sulla scia dell'11 settembre, questa nuova espansione incentrata sulla salute dello stato di sicurezza nazionale ha aggirato tutte le leve del potere democratico per consentire il radicamento di un gruppo di entità molto più ampio e più pericoloso, all'interno delle industrie della salute, della tecnologia e delle scienze della vita insieme a una cricca sempre più potente di agenzie e funzionari sanitari federali, come Robert Kadlec, che stanno spingendo per una società di sorveglianza a spettro completo.
 

Togliersi le scarpe in aeroporto ed esporre il proprio corpo alle radiazioni è diventata una routine ormai in tutti gli aeroporti della nazione e la maggior parte delle leggi "temporanee" approvate attraverso la legislazione di emergenza  rimangono sui libri quasi due decenni dopo. Precedenti richieste di presumere che lo stesso accadrà con la maggior parte delle nuove restrizioni alla nostra libertà di movimento e qualità della vita attualmente in corso di attuazione in tutto il paese e nel mondo. 
 
Il ritiro di queste misure draconiane non è nei loro piani, come promesso dal presidente della US Travel Association, Roger Dow, che ha affermato con sicurezza dopo il successo del CommonPass trail run di mercoledì, che l'app ci permetterà di "uscire dalla paralizzante economia ricaduta delle restrizioni di viaggio e dei requisiti di quarantena legati a COVID ", aggiungendo che" pagherà ulteriori dividendi per viaggi più agevoli e convenienti anche una volta che la pandemia si sarà placata". 
 
Foto caratteristica | Viene visualizzato il codice QR generato da CommonPass. Immagine originale proveniente dal progetto comune

Raul Diego è un giornalista di MintPress News, fotoreporter indipendente, ricercatore, scrittore e regista di documentari.

Fonte: https://www.mintpressnews.com/

®wld 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.