domenica 31 luglio 2011

"marketing"

Se sei troppo impegnato per guardare il video ... non guardarlo! Ma, se lo guardi, arriva fino in fondo, sono cose che sai ma che hai dimenticato per il troppo impegno di tutti i giorni.



sabato 30 luglio 2011

Non solo ombre


Non solo ombre, ma anche spirali di luce, si diffondono tutt’intorno, come le stelle di una nebulosa, e camminando non ti accorgi il passare delle ore, guardi la luna argentea, sembra che ti voglia parlare, no, noo! E’ solo il suo sorriso che ti ha rapito, lei, la luna gode di quella luce impropria che prende dal sole nascosto. 

Come è lunga la notte, ancora un battito e il campanile rintocca la terza ora, le ombre si allungano, le stelle ti mandano i suoi strali, gli ultimi bagliori che arrivano agli occhi di stelle ormai morte da millenni che hanno attraversato l’universo per giungere al tuo iride, iride pieno di quella rugiada che per effetto ottico le raddoppia. 

E cammino nella notte fonda, senza una meta per una strada buia sempre uguale, le ombre del passato ti assalgono, non ti lasciano scampo, sembrano sussurrarti, non è più, non è più, e allora ti svegli, ma sei sveglio e la realtà devastante ti porta in un profondo limbo dove la materia è così compatta, un buco nero dal quale non ti trai. 

Non solo ombre, ma spirali di luce vado cercando, e la luna argentea, facendo capolino dietro una timida nuvola, ti sorride…

Tratta dal mio vecchio blog Windows Live del 13 maggio 2008

venerdì 29 luglio 2011

Aspettando XTimes di agosto

Leggendo XTimes di questo mese, 
metto in anteprima alcuni suggerimenti del n° 34 di agosto.

Sono molto curioso degli argomenti che verranno trattati, in special modo riguardo ai "Nephilim" narrati nella Bibbia.

Una buona lettura per chi va in vacanza.

Rileggendo il passato

  Rileggendo il passato: un articolo pubblicato da Zret a fine agosto 2009

Tra due fuochi

Katharina Wilson è una musicista ed investigatrice del M.U.F.O.N., protagonista di alcune esperienze con presunti extraterrestri al confine tra contatti ed abductions. La Wilson è autrice di due libri: il primo risale al 1993 e si intitola The alien jigsaw (Il rompicapo alieno); il secondo, I forgot what I wasn't supposed to remember, è stato reso disponibile gratuitamente in Rete, nel 2007.

Come molti altri contattati e rapiti, la donna ha ricevuto anticipazioni sul futuro dell'umanità dai visitatori. Nell'articolo L'Inferno sulla terra (titolo quanto mai appropriato), inquietante sunto del suo vissuto, l'autrice racconta alcuni episodi di contatto, tra cui uno apocalittico.

"Guardai poi alla mia sinistra e vidi un altro schermo a circa 10 iarde (9 metri) da me, nella stanza. Stava mostrando un'altra immagine, differente di un alieno di aspetto cattivo, con la pelle bruno-rossiccia e gli occhi neri. Mi sembrò che le sue fattezze fossero intenzionalmente accentuate. Le linee sulla sua pelle erano nere ed esagerate, diverse da quelle di un essere reale. Seppi immediatamente, forse grazie alla telepatia o ad una conoscenza interiore, che quell'immagine era "costruita" e l'alieno era raffigurato malvagio dalla comunità religiosa e dai media sulla terra. Questa è l'immagine che gli uomini al potere mostreranno al mondo attraverso la televisione, dicendo che è il demonio e l'anticristo.[...] L'immagine sarebbe stata mostrata al mondo, mentre i media avrebbero fatto credere alla gente che era l'anticristo per convincere la maggior parte dell'umanità che tutti gli alieni sono malvagi."

La cospirazione cosmica contempla un supremo inganno ed un gioco di ruoli in cui gli Oscuri appaiono benevoli e viceversa. Esiste chi contrasta le legioni delle tenebre? Rispondere di no significa ritenere l'universo il dominio incontrastato del Male. E' una concezione ahrimanica. E' possibile, però, che siamo presi tra due fuochi, in mezzo a fazioni in lotta tra loro per la supremazia sul pianeta. Certo, il conflitto, a prescindere da natura e scopi dei belligeranti, non sarà indolore né la vittoria è alla portata di mano. Vorrei anch'io credere ad una palingenesi senza pegno, ma sarebbe come pensare che si possa percorrere una lunga galleria senza perdersi nel buio, non essendo costretti a procedere a tentoni o con fiaccole rischiaranti appena l'oscurità.

Qualcuno ha prospettato la parousia di un falso Cristo, di un Cristo tecnologico, ma la Wilson paventa l'avvento di uno pseudo-Anticristo creato dai Distruttori per coagulare il consenso della popolazione mondiale ad un'altra guerra contro un nemico fittizio o un amico non riconosciuto. Sarà l'ennesimo conflitto voluto da sanguinarie élites, complice la televisione. E' noto: la bugiarda televisione non solo è la "verità": la fonda pure. I fautori dell'ipotesi monopolare hanno spianato la strada, la strada per l'inferno. Quanto a lungo durerà l'ora di odio contro Goldstein? Se veramente poi esistono civiltà extraterrestri ostili come quelle delineate con taglio manicheo da Philip J. Corso, possibile che l'unica risoluzione risieda nelle armi?

Forse sono fantasie quelle della Wilson o memorie-schermo. Forse sbagliamo ad intravedere i prodromi dell'ultima epoca con le sue incredibili scenografie e con scontri che coinvolgeranno forze esterne. Chi sono i demoni e gli angeli? Chi può saperlo? Siamo prossimi ad un bivio: bisognerà vedere se sapremo discernere la direzione giusta.

Fonti:

K. Wilson, The hybrids: can we know their purpose? tradotto da Lavinia Pallotta, con il titolo L'inferno sulla Terra, articolo contenuto in "X Times", n. 10, agosto 2009
Id., The alien jigsaw, 1993


I commenti di allora:

27 commenti:

ANGELO CICCARELLA ha detto...
Caro Zret, persino dai falsi profeti di sventura si possono trarre utili informazioni. Dai falsi scopi del nemico, si imparano le sue tattiche e i suoi movimenti. Dalla messaggistica medianica - almeno in buona parte - sublunare, si scopre tutto un mondo di trame ed influenze ai danni dell'umanità. I nuovi medium, canalizzatori alla ramta - la biondona americana furba e cialtrona quanto basta per far dollari - hanno cambiato il mittente dei loro messaggi, alieni, esseri cosmici, lemuriani libidinosi; e per finire, incontriamo gli autentici contatti le cui fonti son le stesse degli spiritisti di fine secolo. E tra tante frequenze psichiche infrarosse, vi sono puranche autentiche gemme, filoni d'oro di manifestazioni ultrafaniche se non trascendentali. Discriminare è necessario. Un dato credo sia autentico: ci troviamo alla fine del tempo, verso una cerniera dimensionale dalle dimensioni cosmiche. Antichi dèi ritornano, vecchi culti si ripristinano, segni dal cielo aumentano e le istituzioni ecclesiastiche si occupano di questioni sociali...non c'è più religione. Angelo Ciccarella
Zret ha detto...
Tempo fa lessi parte di un libro di Ramtha e restai veramente sorpreso di come testi del genere possano aver successo. A parte la sconclusionata storia dell'Impero persiano e di Atlantide, si nota subito che è pura paccottiglia. Eppure la biondona ha avviato costosi corsi per chi cerca di diventare ricco, bello e felice in poche lezioni. E' una specie di lotteria dell'"esoterico" di massa in cui si vince quasi sempre, sborsando, però, somme superiori a quelle investite. Tra l'altro, i vuoti libri di Ramtha sono scritti in modo pessimo, stucchevole, con insopportabili ed enfatici intercalari. Invece mi pare che la Wilson abbia intuito qualcosa degli scenari futuri: effetti speciali con UFO terrestri, molto terrestri. Una pantomima tecnologica in mondovisione? Sì, sembra che lo snodo temporale sia vicino, non foss'altro per tutte le predizioni che si sono adempiute. Ciao e grazie.
paolo ha detto...
Immagine alquanto arzigogolata quella della Wilson. Dunque, se ho ben capito, l'idea di fondo che alberga nella coscienza della medium è che gli alieni sono buoni e che i poteri occulti presenterebbero questi come entità cattive al mondo. Ma siamo poi sicuri che è effettivamente così? Mamma mia! Che contorsione cerebrale! Come si fa a fidarsi di simili centoni? Allora preferisco certe comunicazioni di tipo religioso nelle quali il contattato conduce almeno una vita spirituale ed etica irreprensibile da cui possono effettivamente scaturire immagini e visioni profetiche dotate di una certa validità. Lì è lo Spirito che offrirebbe una certa qual garanzia. In tal caso non dico che mi fido, ma che almeno ci faccio un pensierino. E poi se nei messaggi c'è un pò di ispirazione, la senti. Qui nessuno offre garanzie. La medium potrebbe azzeccarci come soggiacere ad influenze erranti che la conducono e le fanno dire quello che vogliono. Caveat lector.
Zret ha detto...
Ad esser precisi, la Wilson ritiene che esistano alieni pericolosi ed altri forse benevoli: i primi, come è ovvio, sono in combutta con i militari. La realizzazione di un film bellico per instaurare il Nuovo ordine mondiale è scenario evocato anche da Von Braun, che aveva previsto le varie tappe con cui la Cabal avrebbe instillato nell'umanità la paura (Islam, asteroidi, falsa invasione). Dunque, a prescindere dalle informazioni sull'ibridazione, mi pare che come "third card" le élites potrebbero ricorrere a quanto paventato dalla Wilson. Probabilmente scie ed onde c'entrano con tutto questo, come presupposti per alterare la percezione. Ciao e grazie.
Zret ha detto...
Sul tema è istruttivo il seguente articolo. http://ilsole24h.blogspot.com/2009/08/la-verita-sul-fenomeno-ufo-ed.html
Zret ha detto...
Riporto la conclusione: "Da questa memorabile conferenza emerge un dato. Il tema degli extraterrestri è un mondo nascosto e pieno di disinformazione sapientemente orchestrata. La X-Conference 2009 non ha fatto altro che presentare la minuscola punta di un iceberg enorme. La pubblicazione di documenti epurati non potrà mai darci un quadro esatto del fenomeno, non può far altro che confermare che siamo davvero “visitati”, e ormai da molto tempo. Probabilmente non potrà dimostrare che i rapimenti sono una realtà , che sono assai numerosi e non sempre effettuati da extraterrestri; che gli UFO sono stati riprodotti qui sulla Terra e che ora sono più spesso di fabbricazione umana che extraterrestre; che gli “uomini vestiti di nero” esistono per davvero e che si preoccupano di rendere pubbliche solo certe informazioni e non altre. In conclusione, finché su questo argomento non sarà detto tutto, sarà saggio valutare ogni informazione cum grano salis, cioè con un minimo di prudenza. Non è tutto oro ciò che luccica, e non tutti gli UFO sono extraterrestri. Diciamolo! Lo scopo dell’evoluzione umana è la sottomissione a un governo tecnologico mondiale, che sia di origine extraterrestre o umana? Non ne sono certa. Prima di comprendere le diverse specie e razze extraterrestri che visitano la Terra, forse è giunto tempo di occuparci della vera domanda: chi è l’essere umano?"
giovanni ha detto...
Se ci troviamo in mezzo a due fuochi...in questo l'idea degli ufo lascia il tempo che trova...credo che questa derivi da un grande inganno...ciò non è un evento marginale della vita stessa del Cosmo, ma portante…assolutamente portante, poiché dovrebbe essere nostra convinzione che l’uomo non è un prodotto biologico marginale della storia dell’universo ma il suo frutto più significativo e che forze incoerenti che peraltro, sembra siano senzienti, mirano ad ottundere per poi divorare nell’intimo. Il pericolo risiede nell’inautenticità della lotta, che i nostri antichi assai più di noi sapevano di sostenere. A determinate forze enigmatiche sono occorsi secoli se non millenni per ottundere in noi altri la coscienza numinosa e allora ci domandiamo innanzitutto se sia accettabile la nostra presenza in quest’invisibile proscenio da battaglia spirituale…le nostre armi sono strumenti troppo dolci e gli slanci estremamente corti, prevalentemente siamo legati alle catene del disincanto…sottovalutiamo la prodigiosa forza dell’incanto e dell’ispirazione…forze trasmutatrici per eccellenza, le prime verità fondanti degli alchimisti e siamo assolutamente degeneri e per questo destinati a subire la prevaricazione da parte dei cosiddetti Arconti…ogni nostro agire dovrebbe intimamente riflettersi in questa consapevolezza…in questi tempi estremamente rarefatti che senso avrebbe scrivere o nel mio caso personale dipingere o cercare di assumere un comportamento etico se non motivandosi la realtà di questa lotta che è una lotta cruenta di cui noi non siamo semplici figuranti marginali…l’esperienza del Mito ci informa della rilevanza (rilevanza accidentale (?) forse, ma non marginale) dell’uomo come essere universale…se dipingo è solo per questo motivo, per incrementare un senso positivo al divenire, non avrebbe senso altrimenti…in questo contesto si devono inquadrare le stesse Biennali Veneziane, come una delle molte spie rivelanti dell’arroganza e dell’immenso dominio arcontico sulla nostra epoca…al dunque ogni nostro singolo atto come ad esempio prepararsi un semplice caffè, dovrebbe riassumere la consapevolezza di una maggiore presenza a se stessi…ma per noi richiede l’esercizio di una serena tensione che sembra davvero andare oltre le stesse fatiche di Ercole…tutto ciò è importante e allo stesso tempo profondamente inautentico…testimoniamo l’impotenza di un disagio, ma dobbiamo lo stesso sperare in qualcosa di maggiore e benevolo che saprà accogliere ed elevare la parte più misteriosa del nostro essere…molti di noi sono Argonauti apparentemente immobili, costretti loro malgrado a rischiarare le tenebre col neon e modulare canti augurali poco convinti e sgraziati...ti scrivo questo immerso in un vischioso disagio mitigato dopotutto, per fortuna ancora, dalla più veritiera delle speranze
Zret ha detto...
Giovanni, non voglio aggiungere molte parole al tuo denso, aurorale commento. Mi limito a sottolineare la necessità di una speranza tetragona, quanto più la situazione appare (ed è) disperata. Ciao e grazie.
paolo ha detto...
Then your God spoke," These are the days I spoke to you about in Scripture...the days you would feel abandoned. You are experiencing the dark night of the soul. I have NOT forsaken you- -I never will! This IS satan's hour! He is on a rampage to collect poor souls. Yes, HE WANTS YOU!!! It is a time when much 'illness' will inflict all people. A severe darkness will cover the earth! My words ARE being fulfilled rapidly. It is your time to place all your trust in Me, your God. Satan IS very powerful! Beware of his cunning subtle lies! Today the earth and nature are in great conflict! God and evil are in the greatest battle ever! Speak to Me from your heart! PRAY! Only I can give you peace in the midst of such great turmoil! Amen, I, your God speaks! Hear Me Messaggio questo di una 'channeler' più o meno cattolica. Decisamente ispirato secondo me. In queste poche parole avverti tutto il dramma, tutta la 'tragedia' del momento attuale. La congiuntura appare terribile, quasi senza via d'uscita e la carismatica ne coglie l'essenza con precisione. Si poteva dire meglio di così? Chi può capire capisca.
wlady ha detto...
Vorrei aggiungere io alcune cose che il genere umano ha fatto in passato e continua nel presente. Gli eccidi di massa di uomini, donne, vecchi e bambini inermi compiuti da Pizarro e Cortez. L’annientamento delle tribù indiane d’America, formate da individui praticamente inermi. La tratta in schiavitù di milioni di negri. Nel nome di Cristo i roghi della Santa Inquisizione. Lo sterminio culturale e fisico di una nazione come la Cina da parte dell'UK con la droga (oppio). La messa in schiavitù di enormi masse di individui esercitata dagli Zar di Russia, e successivamente milioni di uccisioni del periodo stalinista. Gli eccidi e le stragi della 1° e della 2° guerra mondiale. La follia dello stermino di milioni di Ebrei torturati, gasati, vivisezionati nei lager nazisti. Con bande di mercenari sono stati distrutti popoli autoctoni dell'Amazzonia e dell'Australia, per scopi minerari e boschivi. Hiroshima e Nagasaki il cui effetto termico bruciò vive decine di migliaia di persone indifese, mentre altri milioni di individui morirono, in seguito. Siamo irreversibilmente malati, gli oscuri hanno ridotto l'umanità simile ad un tumore maligno, e così non siamo diversi dai nostri creatori/manipolatori, si!! Siamo stati fatti a loro immagine e somiglianza, niente di nuovo sotto il sole negli anni a venire. wlady
Zret ha detto...
Il senso di una cupa fatalità, la caduta nell'abisso, le uniche fiamme sono quelle divoratrici. Parole raggelanti quelle della canalizzatrice, ma adatte alla tempestosa temperie che viviamo. Mi chiedo, Wlady, chi siano i Creatori. Creatori o Distruttori? Una tragica somiglianza. Ciao e grazie.
wlady ha detto...
Cordialissimo Zret, L'umanità ha voglia di cercare l'anello mancante non lo troverà mai, se il primate uomo non avesse avuto un aiutino dall'esterno, ora sarebbe ancora oltre l'età della pietra, la manipolazione genetica c'è stata, ed ora noi siamo la specie ibridata da esseri evoluti millenni prima di noi (come sai molto bene), la Bibbia, ed ancora prima L'Enuma Elish, (se letta non a carattere religioso ma a mera cronaca del passato) ci spiega: che in principio ci fu il "Caos" e successivamente fu creato il "Lulu" solo per essere sfruttato come lavoratore (schiavo), gli dei bellicosi, hanno impresso su questo attuale primate il numero cabalistico della bestia il "666" numero dell'uomo, probabilmente una eredità dei primi esseri bellicosi venuti sulla terra. Non ho la panacea del sapere, ma solo il vissuto e le letture scritte da uomini per uomini, la mia ricerca spasmodica continua ... Ciao e grazie a Te.
Zret ha detto...
Lulu significa "mescolato": ciò è istruttivo. L'Enuma elish, ma anche altri testi sumeri paiono descrivere una manipolazione genetica su Homo erectus per creare il Sapiens (Sapiens?). Recentemente ho letto un'altra interpretazione circa il 666: Di Benedetto lo collega al carbonio, il cui numero è 6. Quindi il 666 come numero d'uomo, poiché l'uomo è l'unità carbonio. Insomma l'uomo trova il suo maggior nemico in sé stesso. Certo, queste sono letture paleontologiche, quindi essoteriche, perché l'essenza dell'uomo ci sfugge: essere angelico decaduto? (perchè???), anima imprigionata nella materia? illusione che crede di essere? respiro di Brahma? Credo che qualcosa abbiamo capito, Wlady. "Bene, diranno, vi aspetta, però, la stessa fine di chi non ha capito niente". Ciao e grazie.
Timor ha detto...
Siate pazienti poichè tutte le tessere del mosaico troveranno il loro posto. Le verità che dite impallidiranno di fronte all'Unica Verità che accoglie e raccoglie ogni contraddittorio sogno dell'Uomo. Fino ad allora la Verità non potrà che essere detta per enigmi o semplicemente sorrisa. Quando vi sarete inchinati all'Unico Organo, le musiche (ogni frequenza sensoriale!) che conoscete, pur rimanendo le stesse, vi sconvolgeranno.
Zret ha detto...
Timor, possiamo solo unirci a questo tuo auspicio. Intanto siamo qui ad aspettare la pioggia, ossia Godot. Ciao e grazie.
Timor ha detto...
Zret amico mio non è un auspicio, è un compito. Fidati del tuo Cuore e solo di quello. Lui sa la strada. Ciao e grazie a te
paolo ha detto...
Caro Zret, la pioggia non arriverà perchè tutto è destinato a seccare, a prosciugarsi. Prima che torni a piovere come un tempo e cioè senza che i malvagi interferiscano con la spontanea attività della Natura, temo che ne vedremo delle belle. Un ispirato alchimista del secolo scorso ebbe a dire che la deliberata polluzione elettromagnetica delle acque superiori è davvero il peccato supremo, 'il peccato contro lo Spirito' che scritturalmente non ammette deroghe o perdono. Questo stanno facendo i nostri nemici. Ma noi li abbiamo smascherati e saranno sconfitti.
Zret ha detto...
Paolo, sono più che convinto che non pioverà più e "solvet saeculum in favilla" è il sigillo di questi ultimi aridi tempi. Auspico che l'incendio incenerisca in primis gli Arconti ed i loro vassalli terrestri. Ciao e grazie.
cleonice ha detto...
Oh Luce Divina, maestà infinita che invadi i nostri cuori, rischiarando le nostre ombre, Luce che rischiari le nostre paure, liberaci da ogni male, liberaci da tutti i mali, fisici e spirituali, quelli che stanno dentro di noi, quelli che provengono da fuori, Luce liberaci, dalle nostre ansie e timori, dalle nostre insane passioni, dalle nostre paure e i nostri traumi, liberaci dalla diffidenza che abbiamo, dall'invidia e dal rancore, Luce liberaci.. liberaci dalle cattive persone da coloro che male ci consigliano, liberaci dai dolori di gente che delude, e illude, liberaci dall'invidia, liberaci da chi ci conduce a cattiva strada, liberaci da ogni seme di discordia, liberaci da ogni ingiustizia e iniquità, liberaci dal rancore e dal desiderio di vendetta. Luce, libera le nostre menti da folli tentazioni e insane passioni, liberaci dagli spiriti malvagi che depravano le nostre anime, le riducono in schiavitù e ci portano in catene, liberaci dalle fiamme eterne, o Luce, liberaci, libera noi da ogni male.. invadi le nostre vite di luminosità e calore, di pace, di gioia, di amore per te, Padre.. per il nostro prossimo, che il perdono sia il nostro pane quotidiano, perchè dove si alzano i muri coi fratelli, di diffidenza, di rabbia e di rancore o peggio di vendetta, tu non puoi entrare, perciò Luce libera noi, rischiara le nostre anime, spazza le nostre impurità, disinfetta le nostre ferite, o Luce, libera noi, da ogni male, fa che il male non siamo noi, Luce libera noi, abbagliaci con la tua pace, o Luce, illuminaci..fa che possiamo essere sereni, di fronte a tutto e alle avversità, e quando le fiamme della disperazione invadono le nostre anime ferite, e quando le lacrime amare della vita inondano i nostri dolori di amarezza, tu Luce all'orizzonte mostrati cosi che possiamo correrti in contro, liberaci da tutti i nostri mali, Luce Divina maestà, invadi i nostri cuori di pace e di serenità, perchè come bambini noi siamo, del buio abbiamo paura, ma la tua Luce può ridarci una ritrovata forza, e coraggio.. pace, luce, pace, DIO, pace, amore, pace.. serenità e pace per tutto il percorso delle nostre vite, illuminati dalla tua Luce... Gaetano dal blog "sudditi di Gesù Cristo" martedì 25 agosto
liberos ha detto...
Beh, David icke, ha previsto tutto ciò già a partire dagli anni 90, anche se qualcuno ora lo accusa di essere un agente inglese. Mi viene da ridere a leggere queste cose. Senza di Icke prima non c'era nulla. Liberos
ANGELO CICCARELLA ha detto...
Caro Liberos, la tua pur legittima critica era nei miei confronti e allora, sebbene non devo difendere la mia persona, bensì il compito da me scelto e indotto, ti rispondo volentieri. Prima di Icke, quel chiattoncello inglesotto, furbetto contrabbandiere di centoni eruditi quando non fasulli, è fuor di ogni ragionevole dubbio una spia inglese. Prima di lui, il nulla? Ma per favore, Liberos, non puoi ignorare quanta gente per bene, a scapito della propria vita, ha denunciato che il re è nudo. Quanti studiosi osteggiati dalla cultura egemone, hanno denunciato la presenza di una cospirazione mondiale ai danni dell'umanità da secoli. Vuoi i nomi? Te ne cito alcuni poco conosciuti e che difficilmente troverai nei settori new age della Feltrinelli: Silvano Panunzio, don Luigi Cozzi, John Keel. Seppur da angolazioni diverse, hanno puntato il dito sul demiurgo che sta dietro uomini ed eventi del mondo. Lo ripeto, mr Icke si ingrassa con i proventi dei suoi libri alla faccia nostra, alzando il polverone per non farci vedere oltre ed io, mister nessuno, ho i miei guai per alcuni articoli, l'ultimo IL VARCO TRA I MONDI, che scoprono le strategie de Il Gruppo, consorzio palese-occulto sovranazionale che patteggia col nemico. Libero caro Liberos di farti una risata alla faccia mia, ma sappi che quello che tento di fare è gratuito e per un fine alto - o almeno ci provo - e se qualcuno mi minaccia vuol dire che tanto fesso non sono. Angelo Ciccarella
Zret ha detto...
Non entro nella vexata quaestio Icke, perché ho già dedicato un paio di articoli al tema. Anche Corrado ha scritto una recensione molto equanime del suo ultimo libro. Liberos, molti anni fa, mi imbattei in alcuni testi gnostici. E' incredibile: essi descrivono il dominio arcontico in modo esemplare. Essi incidono a chiare lettere l'espressione "congiura cosmica". Ora, non affermo che Icke sia autore di cospirazioni for dummies, ma altri prima di lui avevano già intuito tutto. Non è forse spiegato anche nell'Avesta e nel Quarto Vangelo il ruolo di Ahriman? Mi interesserebbe sapere qualcosa di più sulle reazioni al criptico ma esplicito articolo di Angelo, Il varco tra i mondi, che ho letto con grande empatia. Credo che Angelo potrà solo accennare, perché essi ci ascoltano. Essi chi? I senza volto e senza nome. Ciao a tutti.
chon ha detto...
Vorrei ringraziare Paolo per il suo ultimo intervento.Il suo riferimento alle "Acque Superiori" mi ha molto colpito.Conoscevo Fulcanelli e la sua messa in guardia sulla pericolosità dell'uso delle onde elettromagnetiche ma non avevo ancora configurato completamente questo aspetto sottile. Grazie a Paolo ed a tutti voi.
liberos ha detto...
La mia non era una critica, ne tanto meno rivolta a persone in particolare pertanto Angelo, non era ricolta a te che peraltro ho apprezzato i tuoi articoli. Una domanda te la faccio: come fai a dire che Icke è per certo una spia inglese? Con le finanze Icke non mi pare che se la passa bene ultimamente, dato che stanno tentanto di fregargli i diritti dei suoi libri. Zret,certo altri prima di Icke avevano capito, ma a lui va dato il merito, secondo me, di aver unito tante inforamzioni frammentarie e averle fatte conoscere al grande pubblico. Per me è un grande. Liberos
ANGELO CICCARELLA ha detto...
Un grazie a Zret per i suoi stimolanti interventi. E ringrazio Liberos, perché riflessioni come le suoe mi costringono a meglio focalizzare le ricerche alle quali dedico una parte considerevole della mia vita. Questo blog è una palestra di idee e un'isola magica in mezzo ai flutti del divenire. Grazie a tutti. Angelo Ciccarella
Vitae_ ha detto...
Ciao ragazzi, volevo chiedere ad Angelo, è possibile trovare testi di Don Luigi Cozzi a cui facevi riferimento più su? (E' improbabile immagino) Ho provato a cercare su google e ho beccato solo un articolo in cui se ne parla e sembra una figura degna di essere approfondita,oltre ad aver anticipato i tempi.. Grazie
ANGELO CICCARELLA ha detto...
Caro Vitae, su don Luigi si è alzata una cortina d'oblio, vuoi perché attaccava senza mezzi termini un certo potere economico finanziario di matrice ebraica che domina sul mondo - almeno a suo dire - vuoi perché non risparmiava critiche nemmeno a Santa Romana Chiesa. Insomma un cane sciolto arrabbiato. Io ne ho alcuni di suoi libri, grazie alla Libreria Europa di Roma. Prova a contattarli o tramite loro potrai tentare altre vie. Angelo Ciccarella


giovedì 28 luglio 2011

"fine dei giorni"


(H Ahrit Hayamim): nome biblico, utilizzato per la prima volta nell'oracolo di Giacobbe per indicare il futuro più remoto, ma usato sopratutto dai profeti per descrivere un distante Futuro Messianico, quando il Male sarà scomparso dalla Terra e regneranno pace e giustizia - ma non senza aver vissuto prima un cataclisma terribile, un'apocalisse; ci sarà poi un Nuovo Inizio e tutte le nazioni si recheranno a Gerusalemme per venerare Yahwhe.

Secondo il profeta Geremia, Yahwhe aveva programmato quella fine sin dall'inizio dei tempi; il profeta Isaia considerava "l'inchinarsi" e il "prostrarsi" di fronte a Marduk e Nabu (suo figlio) come passi essenziali per riavvicinarsi al "Regno di Dio"; e il profeta Osea affermava che "il Regno di Dio" tornerà alla "Fine dei Giorni" attraverso la "Casa di Davide", a Gerusalemme, sul Monte del Tempio.

I profeti della Bibbia affermavano anche quel che stava per accadere era stato programmato da Dio: "Io dal principio annunzio la fine e, molto prima, quanto non è stato ancora compiuto" diceva Dio a Isaia (46, 10).

ZS (Zecharia Sitchin)ha sottolineato che "la Fine dei giorni" e "il Giorno del Signore", profetizzati e in genere considerati dagli studiosi come la stessa serie di eventi, sono invece avvenimenti completamente diversi: il Giorno del Signore era il ritorno anticipato di Nibiru, che si verificò nell'arco temporale della Bibbia, mentre il tempo della Fine dei giorni messianica non è stato rivelato nemmeno nel libro di Daniele della Bibbia ebraica, e continua a restare avvolto nel mistero.

Ne il giorno dèi , ZS, prendendo in esame diverse predizioni antiche e moderne, è giunto alla conclusione che l'espressione "tempo tempi e la metà di un tempo" che un angeli disse a Daniele fa  riferimento a un tempo zodiacale.

Precessione Terrestre

Ere zodiacali:
è nata a Sumer l'osservazione della levata eliaca nel giorno dell'Equinozio di primavera, per determinare (quando si può ancora osservare il cielo stellato) quale costellazione zodiacale si vede sullo sfondo, Finché alla levata eliaca si vede la costellazione del Toro (come ai tempi del calendario sumero) si dice che ci si trova "nell'Era del Toro"; quando lo sfondo comincia spostarsi nella costellazione dell'Ariete, si dice allora che è iniziata "l'Era dell'Ariete", ecc.

Mentre matematicamente un'Era Zodiacale dura 2.160 anni (72 X 30 = 2.160, se si effettuano delle osservazioni , si noterà che le "ère" hanno lunghezza diversa, perché le costellazioni occupano segmenti diversi del cielo. E nel XXI° secolo a.C. proprio quella differenza rappresentò un enorme problema nei conflitti con Marduk per il turno di regnare sulla Terra che a suo tempo era stato stabilito dal consiglio dei dodici dèi Anunnaki con l'approvazione di Anu. 

Infatti in quella data, si verificò un ritardo nel passaggio dallEra di Enlil, l'Era del Toro, a quella di Marduk, ossia quella dell'Ariete. Dal punto di vista prettamente matematico, questo orologio zodiacale elencava le ère in questo ordine (tutte date del periodo prima di Cristo): Leone 10860-8640; Cancro 8640-6480; Gemelli 6480-4320; Toro 4320-2160; Ariete 2160-0; poi i Pesci da 0 a 2160.

Secondo Beroso, le tre ère zodiacali erano momenti di svolta epocali negli affari di uomini e dèi - un'affermazione, questa, che trovava conferma nella storia, nonché nel fatto che vennero riportate alla luce tavolette ,matematiche sumere che elencavano i multipli di 12.960 (2.160 X 6), come frazioni del numero 12.960.000 (2.160 X 6.000).


martedì 26 luglio 2011

Dio e dèi


le leggende e i documenti di tutti i popoli antichi narrano di esseri superiori antropomorfi, venerati e adorati dagli uomini. I nomi con cui venivano chiamati nelle diverse lingue vengono tradotti comunemente come "dèi" con la "d" minuscola, ma gli epiteti antichi erano in realtà descrittivi: Din.gir, in sumero, significava "I giusti delle navicelle spaziali"; Neteru, in egizio, significava "Guardiani"; Ilu, in accadico (da cui deriva il singolare El e il plurale di Elohim citati nella Bibbia), significava "I Supremi"; il greco Theos (da cui deriva il romano Deus) significava "Divino".

Leggende degli dèi, che gli studiosi trattano alla strategia di miti, ne attribuivano l'origine ai cieli, ne descrivevano diverse generazioni fino a quelli nati sulla terra, ne dettagliavano le lotte, le battaglie e le guerre combattute tra di loro, e attribuivano loro la creazione dell'umanità attraverso una Prima Coppia: la narrazione biblica di Adamo ed Eva non fa eccezione.

ZS ha analizzato questi "miti"nell'ottica di ricordi e di una raccolta di eventi realmente accaduti, avanzando l'ipotesi che le analogie siano dovute al fatto che, in tutto il mondo, questi dèi erano, in realtà, lo stesso gruppo di Anunnaki sumeri ("Coloro che dal cielo scesero sulla Terra"): l'ittita Teshub era l'accadico Adad, nonché (secondo ZS) il Thoth egizio (e in sumero Ningishzidda); anche Viracocha nelle Ande; Il mesoamericano Quetzalcoatl, sempre secondo Zs; il greco Crono era l'omologo del sumero Anu, mentre Zeus dell'Olimpo e Poseidone erano gli omologhi dei mesopotamici Ea/Enki ed Enlil, e dei cananei Ba'al e Yam, nonché dèi leggendari indù Vishnu, Indrae Vritra.

Le battaglie aeree di zeus contro Tifone, o di Horus contro seth, erano analoghe a quelle di Ninurta contro Zu, ecc. In grado di vagare nei cieli e in possesso di armi straordinarie, erano molto simili agli umani, tranne che per una solo cruciale differenza: parevano essere immortali. Ma in realtà tutte le narrazioni, incluse quelle sumere, accadiche, cananee, egizie, azteche, ecc. narravano anche la morte degli dèi (come quella di Zu e di Damuzi nelle leggende sumere, di Osiride in quelle egizie, di Ba'al in quelle cananee, nonché di Coyolxauhqui in quelle azteche).

Secondo Zecharia Sitchin,  (ZS) "l'immortalità" era perciò semplicemente un'eccezionale longevità, dovuta al fatto che, per gli Anunnaki (e il loro ciclo vitale) , un anno su Nibiru (ossia un'orbita intorno al Sole) equivaleva a 3600 anni terrestri. L'esistenza di questi "dèi" con la "d" minuscola non solo non entra in conflitto con il credo di un Dio unico e universale (con la D maiuscola), ma conferma anche l'oppinione (sostenuta anche dagli stessi Anunnaki) di un unico "Creatore del tutto" cosmico-lo stesso Yhawhe che la Bibbia chiama "El Elohim" - "Dio degli dèi", che disse agli dèi Elohim nel Salmo 82: "Voi siete dèi, siete tutti figli dell'Altissimo. Eppure morirete come ogni uomo, cadrete come tutti i potenti".


L'intervista al gesuita: il SIV, la sonda Siloe e il Pianeta X

"Molti vogliono sapere solo per curiosità [...] ma dimenticano che il sapere porta con sé anche la responsabilità" 
(Giovanni Paolo II - Fulda, Germania, 1980).

Premessa: 
Nel 2000 lavoravo a Roma in qualità di redattore della rivista “Stargate”, dove pubblicai una serie di articoli inerenti le mie ricerche sulle apparizioni di Fatima e il famoso Terzo Segreto, i vari misteri coinvolgenti il Vaticano nonché le possibili implicazioni aliene delle stesse apparizione portoghesi avvenute nel 1917.  
In seguito alla pubblicazione iniziai a ricevere una serie di e-mail da un personaggio che si definiva un “insider” del Vaticano, il quale fu spinto a contattarmi (anche se in maniera anonima sporadicamente lo aveva gia fatto in precedenza) perché attratto proprio dalle mie ricerche inerenti l’inchiesta sulle apparizioni di Fatima, e non solo. Dalle lettere, inviatemi da questo personaggio, emergeva che il Vaticano annoverava una struttura d’intelligence, chiamata dal mio interlocutore Servizio Informazioni del Vaticano (in breve SIV). Nelle mail erano contenute delle informazioni interessanti, ed in una di esse mi fu preannunciato che molto presto avrei ricevuto del materiale tra cui un video, fattomi recapitare in seguito per posta, inerente l’osservazione del presunto decimo pianeta in avvicinamento al sistema solare (ho pubblicato tale video nella sezione 'Video' del gruppo). La ripresa sarebbe stata effettuata da una sonda spaziale inviata nello spazio remoto, facente parte di un programma spaziale avviato nei primi anni ‘90, denominato “Sìloe”. 
 
Da tali indicazioni e non solo, ho capito che lo scrivente era a conoscenza d'informazioni di gran lunga più dettagliate di quelle rilasciatemi per iscritto.
Per un anno circa vi furono contatti informali via e-mail e per posta, nei quali mi rivelò di essere un Gesuita membro del SIV e di lavorare a Roma presso alcune strutture della Santa Sede, cosa che in seguito verificai essere vera, informandomi a sua insaputa. In seguito e con una certa difficoltà riuscì ad avere un primo incontro fisico in un luogo pubblico della capitale, dove iniziò a rivelarmi alcune informazioni. 
 
L’incontro, avvenuto nel 2001, fu voluto fortemente da me, in quanto "conditio sine qua non" per il proseguimento dei nostri contatti, dato che fino ad allora il mio atteggiamento, nonostante il videotape, fu contraddistinto da un ovvio scetticismo e diffidenza nei suoi confronti.
Fu in quella occasione che i miei dubbi si dissiparono, quando mi mostrò le sue credenziali, alcune delle quali corrispondevano in buona parte con quanto da me precedentemente appurato. Inoltre mi rivelò di usufruire di un’autorizzazione alla supervisione denominata ‘Secretum Omega’, che è la più alta categoria di classificazione di segretezza in Vaticano equivalente al 'Cosmic Top Secret' della Nato.
Il dialogo si svolse sottoforma di continue domande e risposte, in quanto durante l’ultima comunicazione era stato concordato che avrei posto delle domande ben precise. Difatti avvenuto l’incontro il Gesuita ribadì tale impostazione del dialogo anche se, nonostante il mio desiderio di porre svariate domande e il poco tempo a disposizione, alcune sue risposte hanno ovviamente stravolto l’impostazione originaria di alcuni quesiti.
Tuttavia la conversazione che segue anche se costituisce la summa di quanto rivelatomi non è del tutto completa, in quanto alcune informazioni e dettagli aggiuntivi, ricevuti sia in precedenza che in seguito all’incontro, ho preferito non rivelarli, almeno per il momento.
 
Intervista:
[Barbato] Come è entrato a far parte del S.I.V.?

[Gesuita] Il S.I.V. annovera elementi provenienti da diverse realtà, tutte strettamente connesse alla Chiesa e composte soprattutto, almeno nella parte dirigenziale, da sacerdoti in maggioranza aderenti all’ordine dei Gesuiti, monaci Benedettini e Religiose; in tutto poco più di un centinaio di elementi. Possono sembrare pochi ma non è così se si considera che in ogni parte del mondo dove c’è un sacerdote o una suora c’è una potenziale fonte d’informazioni preziose. Altri elementi sono stati, e tutt’oggi, sono seguiti in ambienti ed istituzioni a carattere laico interne alla Chiesa come ad esempio: associazioni a carattere umanitario, schieramenti politici vicino alla Santa Sede, movimenti cattolici giovanili, ecc. Il mio iter è stato molto simile a questo. In sintesi gli elementi come me sono stati segretamente seguiti, indirizzati e formati secondo determinati criteri noti in certi ambienti. Ognuno di noi oggi si rende conto di aver avuto in passato un suo “angelo custode” nonché mentore, successivamente.

[B] Potrebbe fornirmi maggiori elementi sul S.I.V.? Perché è stato creato, da quanto tempo opera ...

[G] La struttura è top secret ma per ora posso dirle che è organizzata in maniera analoga alle altre strutture d’intelligence come CIA, MI6 l’ex KGB ecc. Non ha una sede ufficiale fissa ma sceglie di volta in volta un sito dove riunirsi, in strutture però sempre sotto la giurisdizione della Città del Vaticano […]

[B] Parliamo dei suoi incarichi in seno al SIV.

[G] I miei incarichi erano di carattere puramente tecnico, i più importanti erano ad esempio ricevere informazioni segretissime provenienti da un radiotelescopio del Vaticano situato in Alaska e girarle ai rispettivi destinatari …
[B] Un attimo solo, ma di quale radiotelescopio sta parlando? Non sapevo che il Vaticano possedesse una struttura del genere in tale area geografica.

[G] Il Vaticano possiede e gestisce un radiotelescopio avanzatissimo, che adotta sistemi e tecnologie all’avanguardia, gestito solamente da personale appartenente all’ordine dei gesuiti e che è ubicato all’interno di un impianto industriale per il recupero del petrolio, apparentemente dimesso, sito nello stato americano dell’Alaska. Il complesso è mimetizzato perché ufficialmente le attività che vi si svolgono non sono le stesse della struttura del VATT in Arizona e sono coperte dal massimo segreto.

[B] Quando è stato costruito tale apparato e soprattutto con quali finalità visto che il Vaticano annovera già altri siti astronomici in varie parti del mondo?

[G] Quello che posso dire è che è stato costruito nel 1990 con lo scopo di studiare i corpi celesti ‘anomali’ in avvicinamento alla terra, analogamente a quanto fatto per esempio dalla CIA, che tra i tanti suoi ‘occhi segreti’ annovera il telescopio gemello di Hubble, SkyHole 12. Inoltre il SIV fu avvisato durante gli incontri con Pio XII dell’avvicinamento di un corpo celeste al sistema solare ospitante una razza aliena evoluta e molto bellicosa. Seppi ben presto che il materiale che dovevo ricevere qui a Roma ed elaborare al computer era molto interessante e segretissimo. Fu durante l’elaborazione di alcuni dati e informazioni provenienti da questo radiotelescopio che una sonda inviata nello spazio remoto, inserita all’interno di un programma di esplorazione spaziale avviato nei primi anni ‘90 denominato SILOE, aveva fotografato un pianeta di dimensioni enormi in avvicinamento al sistema solare. I dati furono ricevuti in Alaska nel mese di ottobre del 1995. Qui cominciarono i miei problemi. Scoprii che non dovevo decrittare io i dati provenienti da quella sessione di trasmissione e si creò una situazione pericolosa. Fu allora che il mio referente mi rivelò che all’interno del Vaticano erano conviventi due fazioni che si contendevano la gestione di un tipo di informazioni con un livello di segretezza di gran lunga superiore al TOP SECRET.

[B] Potrebbe fornirmi ulteriori dettagli sul programma spaziale SILOE? Chi ha progettato la sonda, da dove è stata lanciata …

[G] La sonda denominata “Siloe” prende il nome proprio dall’omonimo programma di esplorazione spaziale avviato nei primi anni ‘90. Inoltre posso aggiungere che il programma Siloe è a sua volta inserito in un altro e più vasto programma, denominato Kerigma. (Sulla natura di quest’ultimo e degli altri sottoprogrammi che lo compongono non mi e stato rivelato nulla, NdA). Per ora posso solo dirle che la sonda è stata assemblata presso l’Area 51, disponeva di un motore a impulsi elettromagnetici e, una volta completata, fu collocata in orbita da un velivolo del tipo Aurora. La sonda non disponeva di calcoli e preindicazioni sulla traiettoria e ubicazione precise di Nibiru, per cui il suo scopo era di approssimarsi al pianeta correggendo la rotta il più possibile per poi riavvicinarsi al Sistema Solare ad una distanza tale da poter trasmettere dati e immagini al radiotelescopio segreto posizionato in Alaska. La sonda venne lanciata una volta ultimato il radiotelescopio ed effettuò la trasmissione delle riprese nel 1995.

[B] Quanto da lei affermato mi spinge a rammentare alcune delle teorie formulate dal ricercatore Zecharia Sitchin in merito al noto 12° pianeta e di un suo futuro ritorno. Conosce tali studi?

[G] Si, almeno negli aspetti principali; ciò che posso dirle di sicuro è che il S.I.V. in collaborazione con la Lockheed Martin inviò quella sonda che realizzò le immagini da me elaborate. Si tratta di un corpo celeste molto grande che nel giro di tre anni al massimo, a partire dal 2001, farà “sentire” la sua presenza all’interno del sistema solare.

[B] In che modo ha avuto accesso a simili informazioni?

[G] Attualmente usufruisco di un’autorizzazione alla supervisione denominata ‘Secretum Omega’. Questa è la più alta classificazione di segretezza in Vaticano, equivalente al 'Cosmic Top Secret' della Nato. Esso è suddiviso in tre livelli d’informazione: dal meno dettagliato Secretum Omega livello III al Secretum Omega livello I che è il più completo. Il mio compito attualmente è di formare nuovi elementi del S.I.V. e di avviarli all’uso dei sistemi di comunicazione propri di tale organismo.

[B] In Italia le informazioni raccolte dal radiotelescopio in Alaska come giungono?

[G] In Italia esistono impianti radio e antenne unitamente a due satelliti geostazionari sopra l’Italia stessa di una compagnia di telecomunicazioni americana, la Sprint International, che ha parabole nel nord e nell’estremo sud dell’Italia. Tale compagnia ha un contratto speciale con il SIV e su un canale riservato invia e riceve dati cifrati con un algoritmo di crittografia riservato e personalizzato, in uso dal 1994. Prima il SIV usava un sistema di crittografia ideato da una società svizzera che in seguito fu abbandonato, perché uno dei membri di questa società lo rivendette clandestinamente agli israeliani. Altre informazioni di carattere tecnico per ora non posso fornirle.

[B] Vorrei porle una domanda su un noto religioso italiano legato alla Chiesa, mi riferisco a Monsignor Balducci che ha pubblicamente rilasciato determinate affermazioni sulla tematica extraterrestre. Balducci per caso opera in accordo con il S.I.V.? È a conoscenza della sua esistenza?

[G] Sicuramente Padre Balducci ha condotto i suoi studi e le sue ricerche in maniera totalmente autonoma senza seguire alcun tipo di programma stabilito in precedenza. Nelle sue ricerche non è mai stato ostacolato, anzi in qualche circostanza è stato in un certo modo incoraggiato.

[B] Un attimo solo, mi è sembrato di aver capito dalle sue parole che esisterebbe un programma di divulgazione. È, forse, per tale ragione che ha deciso d’incontrami e rivelarmi tali informazioni?

[G] Siamo 'schegge impazzite' secondo il sistema, ma consapevoli che certi eventi che stanno per verificarsi coinvolgeranno tutti gli esseri viventi del pianeta, nessuno escluso. L’umanità intera in questa attuale fase storica sta vivendo un periodo molto particolare e strettamente collegato ad alcuni eventi ‘chiave’ contenuti nel libro dell’Apocalisse. Il genere umano deve affidarsi completamente al messaggio di salvezza e di redenzione di Cristo, quello che San Paolo ha definito il Kerigma, quello che Giovanni Paolo II cerca di portare in tutte le nazioni del mondo. Crede che il Papa non sappia quanto siano vicini certi avvenimenti?

[B] Ma di tutte queste informazioni l’attuale Pontefice (Giovanni Paolo II) quanto conosce, alla luce anche delle accorate dichiarazioni rilasciate da un anno a questa parte?

[G] All’interno del Vaticano esistono due correnti in contrapposizione; una è fautrice di questo programma di informazione ed è difesa anima e corpo da Wojtila, l’altra è tutta protesa ad ostacolarlo con ogni mezzo, a tal punto che alcuni elementi di questa fazione fanno parte anche di gruppi di potere occulti che, per fare un esempio, controllano il mercato petrolifero mondiale che attualmente sta incidendo sulle varie economie internazionali, con l’unico obiettivo di schiacciare ogni iniziativa legata alla diffusione d’energie pulite alternative. Gruppi come quello a cui si può ricondurre la vicenda del famoso e controverso caso ufologico 'Guardian' che lei conosce, drammaticamente autentico in gran parte, tranne in quella relativa ai fotogrammi della presunta entità aliena. Comunque la documentazione cartacea e le informazioni in esso contenute descrivono una situazione reale. La realtà spesso supera la fantasia più sfrenata; purtroppo è così. Ma di tali organizzazioni occulte, il vertice è l’SVS.

domenica 24 luglio 2011

"non solo Sitchin"


PROGETTO GENESI: NUOVI ELEMENTI SUL MISTERO DEL DNA

MESSAGGI DA ALTRI MONDI

Vladimir Sheherback scienziato esperto di modelli matematici dell’università del Kazakistan asserisce che:

“Ho studiato l’immagazzinamento delle informazioni genetiche nel nostro organismo e ho scoperto che il nostro DNA si combina in base ad una sequenza vecchia di tre miliardi e mezzo di anni e per questo anteriore alla comparsa della nostra vita sul pianeta. Dunque, la nostra struttura genetica viene da fuori. In altre parole, l’uomo è stato programmato nello spazio dagli extraterrestri.”

Cosa si nasconde dietro la nostra esistenza ? cosa ci fa vivere ? per quale motivo ci è stato fatto questo dono ?

Domande apparentemente senza risposta ma con il passare del tempo forse dare una risposta non è cosi tanto impossibile. Attraverso una serie di libri e partendo da quello di un ufologo che ormai reputo uno dei migliori nel campo non solo ufologico ma clipeologico, Alfredo Lissoni, sono riuscito ad elaborare un ipotesi sul mistero della vita e trovare delle risposte a quelle domande. Per arrivare alle risposte dobbiamo iniziare dall’affermazione Vladimir Sheherback scienziato esperto di modelli matematici dell’università del Kazakistan. Egli ha recentemente formulato un’ipotesi di quelle che lasciano senza fiato: l’informazione contenuta nel patrimonio genetico degli esseri viventi della Terra potrebbe contenere un messaggio proveniente da creature di altri mondi.


Lo scienziato avrebbe individuato nei geni alcuni raggruppamenti di aminoacidi e, all’interno di questi gruppi, sequenze di formazioni simmetriche che ben difficilmente possono essere il risultato di un’origine naturale del nostro codice genetico: il DNA. Con questa sigla viene definito l’acido desossiribonucleico, che si trova all’interno del nucleo delle cellule umane ed è portatore dei caratteri ereditari. A tale acido, che costituisce la sostanza fondamentale del gene, è affidata la sintesi delle proteine. Sheherback ha parlato addirittura di un secondo livello di informazione inserito nel codice genetico, che potrebbe contenere messaggi inviati sulla Terra da parte di esseri pensanti esistenti in qualche punto dell’Universo. Si tratterebbe di un messaggio significativo inserito in una molecola artificiale di DNA. In effetti il nostro codice genetico è una sorta di registratore biologico, dove é scritto tutto: di quali malattie siamo portatori o ci ammaleremo e a quale età questo avverrà, quanto saremo alti, di quale colore avremo gli occhi, i capelli e persino, approssimativamente, la data della nostra morte e se questa avverrà per infarto o per arresto cardiaco. Un’altra sorprendente presa di posizione è quella dello scienziato Francis Crick, cioè proprio dello scopritore della struttura del DNA, il quale asserisce che la vita è troppo inauditamente complicata per potersiessere formata a caso.


Ecco qui riportata l’affermazione di Sheherback in merito alle origini del nostro DNA:

“Ho studiato l’immagazzinamento delle informazioni genetiche nel nostro organismo e ho scoperto che il nostro DNA si combina in base ad una sequenza vecchia di tre miliardi e mezzo di anni e per questo anteriore alla comparsa della nostra vita sul pianeta. Dunque, la nostra struttura genetica viene da fuori. In altre parole, l’uomo è stato programmato nello spazio dagli extraterrestri.”

Appena letta questa affermazione mi sono posto anch’io la domanda che compare nel titolo del libro di Lissoni:

Gli extraterrestri hanno creato l’uomo ?

In base a degli elementi trovati durante le mie ricerche penso che la risposta “si” alla domanda in questione non sia una cosa che debba essere lasciata nel campo dell’impossibile ma tutt’altro.

Procedendo con ordine dopo aver letto questa affermazione di Sheherback mi sono imbattuto in un’altra informazione contenuta nel libro del medico oculista Massimo Barbetta incentrato sull’ormai famoso mistero di Rennes le Chateau:


“la scienza moderna ha scoperto soltanto da pochi anni il meccanismo alla base dell’invecchiamento del DNA delle cellule nucleari. Si tratterebbe di una riduzione nell’attività di un enzima chiamato Telomerasi, che non riesce più a riparare le parti terminali dei telomeri dei cromosomi, che cosi iniziano a “sfilacciarsi” alle estremità e, perciò, ad invecchiare. Soltanto in un lontano futuro si può pensare di riuscire a reintegrare questa specifica attività enzimatica”

E nel libro di Michael Hesemann “I Nuovo Cerchi nel Grano” ho trovato qualcosa che si riallaccia perfettamente all’affermazione sia di Sheherback che di Barbetta:

“è decisivo comunque che nel DNA degli alieni la doppia elica presenti un terzo giro e quindi si configuri coma una tripla elica. Il DNA somiglia al nostro e quindi questo potrebbe essere far pensare ad una variazione genetica o ad una mutazione. Solo di recente la società Enzo Biochem di Farmingale, New York, a comunicato di essere riuscita a mettere a punto un processo per modificare il DNA, una tecnica consistente nell’aggiungere un terzo giro alla doppia elica. Dustin Brund, nella sua analisi del messaggio di Chilbolton, arrivò alla conclusione che la conclusione del DNA degli alieni era una logica conseguenza del ruolo fondamentale svolto all’interno della catena della molecola tetraedrica silicio ossigeno, ruolo che nel nostro DNA era svolto dai fosfati”

E l’ultimo elemento sta nel libro di Giorgio Pastore “Dei del cielo dei della terra”:

“alieni giunti in un remoto passato sul nostro pianeta avrebbero cosi deciso di effettuare un esperimento, unendosi geneticamente ai primi abitanti della terra. I due DNA (terrestre e extraterrestre) sarebbero stati fusi tra loro, dando vita al primo vero uomo ad immagine e somiglianza di Dio. Nacquero Adamo ed Eva, ovvero, uomini e donne muniti di intelletto, un dono divino. Probabilmente scuri di pelle, in quanto diretti discendenti degli ominidi terrestri”

Partendo da questo fatto ipotetico è possibile collegarci all’elemento della tripla elica che andrebbe a costituire il DNA alieno. È possibile che nel creare noi e quindi fondendo i due DNA la terza elica sia scomparsa oppure è stata tolta deliberatamente.


Supponendo che angeli e dei del passato siano veramente gli alieni del presente e supponendo che abbiano vita eterna a differenza di noi che moriamo dopo un certo periodo di tempo per varie cause come è possibile
tutto ciò ? Io credo che la risposta sia in quella terza elica la cui presenza rende sempre attivo l’enzima telomerasi in modo da prolungare la vita e farla diventare eterna. Ma dato che nel creare noi è scomparsa a differenza dei nostri creatori abbiamo una vita ridotta e quindi non eterna.

In questo modo le affermazioni dei vari ricercatori che io ho citato come elementi base della questione si collegano perfettamente fornendo una risposta alla seguente domanda:


Gli extraterrestri hanno creato l’uomo ? io credo che la questione non sia del tutto impossibile ma la strada verso la verità è ancora lunga.

Di Lombardi David (Centro Italiano Ricerche)

Fonti:

Dei del cielo dei della terra – Giorgio Pastore

UFO progetto genesi – Alfredo Lissoni

Rennes le Chateau porta dei misteri – Massimo Barbetta

I nuovi cerchi nel grano – Michael Hesemann
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page